CONDIVIDI
Valentino Rossi
Valentino Rossi (©Getty Images)

MotoGP, Valentino Rossi: “Migliorati, test positivo. Non arrabbiato con Yamaha”

Concluso il giorno di test MotoGP a Jerez de la Frontera. Valentino Rossi ha chiuso solo al decimo posto, ma il pilota della Yamaha più che lavorare sul giro secco ha cercato di occuparsi di altri aspetti.

Nel weekend di gara in Spagna ci sono stati grossi problemi legati al grip e anche all’accelerazione in uscita di curva. Il team Movistar si è concentrato sui difetti della M1, che sono gli stessi da un po’ di tempo. E’ risaputo che sul piano dell’elettronica la squadra è indietro rispetto alla concorrenza e pure in questo settore serve un upgrade. Oggi a Jerez sono state provate diverse cose per cercare di progredire.

MotoGP, test Jerez: parla Valentino Rossi

Valentino Rossi al termine di questa giornata di test MotoGP a Jerez ha commentato positivamente il lavoro svolto in pista: «Avevamo molto da fare – riporta Speedweek -, è stata una buona giornata di test. Abbiamo provati alcuni pezzi, certi migliori e altri no. Abbiamo migliorato un po’ l’aderenza. Nel prossimo test riceveremo componenti importanti. La nuova gomma posteriore Michelin è molto buona e offre ottimo grip. Con questo pneumatico possiamo essere più veloci, è stata una bella sensazione».

Il 39enne pilota del team Movistar Yamaha ha confermato che sono state provate delle parti a livello di telaio: «Sì, ne avevamo di nuove. Si trattava di dettagli che aiutano un po’. Ma non mi aspettavo grandi miglioramenti prima del test. Penso che abbiamo lavorato bene per il futuro, perché abbiamo trovato qualcosa di molto buono per l’accelerazione. Ma questo è solo il primo passo. Abbiamo bisogno di più tempo. Dopo il GP di Barcellona proveremo nuovamente. Spero possa esserci un aggiornamento per l’elettronica».

Progressi nel corso dell’odierno test a Jerez, però un vero salto di qualità potrebbe arrivare nel prossimo test di Barcellona (18 giugno). Valentino Rossi appare leggermente più sereno e spiega che non ce l’ha con la Yamaha, nonostante le dichiarazioni dei giorni scorsi: «Ho detto cose dure, ma non sono arrabbiato. Ho parlato di cose che vanno avanti da mesi. Mi piace lavorare con Yamaha e mi fido di loro. Questa è una situazione complicata per noi, spero che potremo migliorare. I prossimi mesi saranno molto importanti».

Il Dottore ammette che le sue considerazioni derivano anche dalla voglia di vincere, visto che la sua carriera comunque non durerà ancora a lungo: «Rispetto a Yamaha ho fretta, perché probabilmente loro correranno per altri cento anni mentre io non ho ancora molto tempo. Il titolo è sempre l’obiettivo, ecco perché guido ancora».

Nel weekend della prossima settimana la MotoGP farà tappa a Le Mans, la cui pista solitamente è adatta alla Yamaha. In merito Valentino Rossi ha dichiarato: «Sulla carta siamo veloci a Le Mans. La Yamaha di solito lì funziona bene. Ma la situazione è difficile, poiché anche Ducati, Honda e Suzuki sono molto competitive. Ma mi aspetto di essere un po’ più competitivo di Jerez».

 

Matteo Bellan