Sfera Ebbasta
Il rapper Sfera Ebbasta (foto dal web)

La Procura di Pescara ha aperto un’indagine nei confronti del rapper Sfera Ebbasta, a seguito di un esposto presentato dai due senatori di Forza Italia Malan e Mallegni. Ad essere al vaglio degli inquirenti i testi delle canzoni del trapper che istigherebbero all’uso di sostanze stupefacenti.

Gionata Boschetti, meglio noto come Sfera Ebbasta, è uno degli artisti italiani più seguiti del momento. La sua trap ha conquistato milioni di persone, facendo registrare il “tutto esaurito” durante i suoi concerti. Di recente, però, Sfera è finito sulle prime pagine non per le sue performance: il riferimento va alla tragedia di Corinaldo. Nel piccolo paese in provincia di Ancona, precisamente nella discoteca “La Lanterna”, lo scorso 8 dicembre sono morte sei persone nell’attesa di un dj set di Sfera Ebbasta. Adesso il trapper risulta essere indagato dalla Procura di Pescara per istigazione all’uso di sostanze stupefacenti. L’indagine sarebbe stata aperta in seguito all’esposto presentato da due senatori di Forza Italia Magan e Mallegni.

Nel mirino ci sarebbero i testi delle canzoni del trapper

Non c’è pace per il trapper Sfera Ebbasta che dopo un successo travolgente arrivato in quest’ultimo anno grazie alla sua musica, divenuta tra le più ascoltate dagli adolescenti è nuovamente finito nelle pagine dei quotidiani dedicate alla cronaca. Poco più di un mese fa, la notte tra il 7 e l’ 8 dicembre scorso, nell’attesa di un suo dj set nella discoteca “La Lanterna” a Corinaldo, centro della provincia di Ancona, si è consumata una strage nella quale hanno perso la vita 6 persone, 5 adolescenti ed una giovane madre. Oggi, invece, si torna a parlare di  Sfera Ebbasta non per le sue canzoni, ma per un fascicolo d’indagine aperto a suo carico dalla Procura della Repubblica di Pescare per istigazione all’uso di sostanze stupefacenti. L’indagine sarebbe stata avviata a seguito di un esposto presentato dai due senatori Lucio Malan e Massimo Mallegni, i quali hanno motivato la denuncia affermando che i testi del trapper contengono, oltre a numerose “oscenità”, molti riferimenti a droghe che costituirebbero una vera e propria istigazione per i giovani che ascoltano. In questi testi, secondo Mallegni e Malan, ci sono riferimento ad uso e spaccio di sostanze stupefacenti, ma non è mai menzionata la negatività di tali pratiche. L’esposto è stato presentato anche in altre diciassette procure, le città in cui Sfera Ebbasta si è esibito durante il suo tour.

Leggi anche —> Strage di Corinaldo, Sfera Ebbasta rompe il silenzio dopo 10 giorni

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore