CONDIVIDI

Nonostante i grandi passi da gigante degli ultimi anni riguardo l’intelligenza artificiale delle auto a guida autonoma, vi sono ancora dei limiti nei modi in cui le macchine apprendono.

Per far fronte a queste limitazioni, Microsoft e MIT si stanno impegnando per rendere più “intelligenti” le auto e accelerare il loro processo di apprendimento.

La capacità di apprendimento delle macchine attraverso il deep learning, infatti, è ancora troppo legato alle situazioni esposte dai programmatori e quindi non in grado di prevedere tutte le situazioni in cui una persona alla guida è costretta ad effettuare una determinata manovra.

La nuova tecnica introdotta da Microsoft e MIT permetterà quindi alle macchine di comparare le proprie decisioni con quelle prese da guidatori in carne e ossa, in modo da poter correggere gli errori e fare “esperienza” di quelle situazioni.

Un altro problema era che l’intelligenza artificiale finisse col diventare troppo sicura di sé, cioè prendesse le stesse decisioni in situazioni per lei considerate come identiche. A questo proposito il MIT ha elaborato un algoritmo secondo il quale la macchina calcolerà le probabilità per poi effettuare un’autodiagnosi sulla scelta presa in una determinata situazione.

Al momento i programmatori hanno effettuato i test solo sui videogiochi, ma nelle prossime settimane sono previsti i primi test con auto reali.

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori