tom sykes superbike sbk bmw
Tom Sykes (foto BMW)

Superbike 2019, test BMW: il punto di Sykes e Reiterberger.

Per il BMW Motorrad WorldSBK Team due giorni importanti di test ad Almeria tra lunedì e ieri. La nuova S 1000 RR è scesa in pista per la prima volta. Una moto che va sviluppata bene per sprigionare tutto il suo potenziale.

La novità rispetto al passato è che la casa di Monaco ha deciso di tornare ad impegnarsi concretamente in Superbike. E’ parte integrante dello sviluppo e supporta pienamente il team manager Shaun Muir, che con la sua struttura ha trovato un accordo soddisfacente con BMW e i progetti sono decisamente ambiziosi per il futuro. Dopo queste due giornate, il prossimo appuntamento con test ufficiali SBK sarà a fine gennaio a Jerez.

-> Se vuoi restare aggiornato su tutte le ultime notizie della Superbike CLICCA QUI

Superbike, Sykes e Reiterberger contenti della BMW

I vertici del reparto corse della casa tedesca e Shaun Muir hanno deciso di puntare su un pilota esperto come Tom Sykes. Uno che è stato parte integrante dello sviluppo e della crescita di Kawasaki in Superbike. Il 33enne britannico ha vinto un titolo mondiale nel 2013, dopo averlo perso per mezzo punto l’anno prima. Fino al 2017 è sempre stato tra i primi tre nella classifica finale, solamente nell’ultima stagione è giunto quarto. Inoltre è il recordman di pole position della SBK.

Al termine del test ad Almeria ha così parlato delle sue prime impressioni sulla nuova BMW S 1000 RR: «Sono molto contento. Certo, è ancora presto e ci sono ancora molte cose da fare, ma sono stato molto contento del mio feeling con la moto. Il feedback generale è stato buono. Abbiamo avuto due giorni di test molto produttivi, abbiamo cambiato alcuni parametri sulla moto e abbiamo capito alcune aree chiave in cui lavorare. È stato un test di due giorni molto positivo per me. Sono rimasto davvero contento e molto impressionato dal risultato finale».

Sykes è contento dei primi approcci in BMW, sia a livello di moto che di team. Per lui è tutto nuovo, però le prime sensazioni sono positive. Anche il compagno Markus Reiterberger si è detto soddisfatto: «La prima uscita con la nuova moto è andata molto bene. Mi sono sentito perfettamente a mio agio con la posizione della sella e il manubrio sin dall’inizio. Abbiamo lavorato tanto sul telaio, sull’elettronica, sulla geometria e una serie di opzioni di setup. Volevamo provare tutto e trasmettere la nostra esperienza a BMW e al team per consentire loro di lavorare sulla preparazione dei prossimi test. Siamo ancora in una fase iniziale. Era importante raccogliere quante più informazioni possibili per il lavoro che deve ancora venire. Siamo molto contenti di ciò che abbiamo conseguito finora».

 

Matteo Bellan

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore