Alvaro Bautista
Alvaro Bautista (©Getty Images)

Alvaro Bautista in Thailandia ha ripreso da dove aveva lasciato in Australia, ovvero dal primo posto. E’ solo venerdì e si tratta solamente dei primi turni di prove libere, il pilota del team Aruba Racing Ducati si è già messo in testa.

Lo spagnolo anche a Buriram vuole continuare a far traballare il trono di Jonathan Rea nel campionato mondiale Superbike. Siamo solo al secondo gran premio e la stagione è ancora lunga, però l’ex rider MotoGP sta mettendo in chiaro le proprie ambizioni. E la Panigale V4 R si sta dimostrando un mezzo adatto esaltare il suo stile di guida.

Superbike, Thailandia 2019: Bautista dopo le Prove Libere

Al termine della giornata di Prove Libere Superbike in Thailandia, sono arrivate ovviamente le dichiarazioni di Bautista: “Abbiamo molti punti forti, ma anche Kawasaki ne ha rispetto a noi. Dobbiamo migliorare la rotazione. Sopratutto in questo tipo di pista dove ci sono molte curve e bisogna chiudere molto. Per questo serve una moto che giri bene. Oggi pomeriggio ho migliorato nel terzo e nel quarto settore, ma non abbastanza. Penso che possiamo lavorare ancora sulla moto per migliorare questo aspetto.

Lo spagnolo ha corso a Buriram già nel 2018 quando gareggiava in MotoGP, però con Ducati Panigale V4 R è differente la situazione: «È diverso correre su questa pista con una MotoGP, ho ancora bisogno di alcuni giri per adattare il mio stile a questo circuito e trovare i punti di riferimento. Ho lavorato sulla moto, non ho fatto grandi modifiche, solo nel set-up per adattarlo a questo tracciato. Poi nel pomeriggio abbiamo provato diversi tipi di gomme, soprattutto al posteriore, per vedere come lavorassero le nuove mescole che Pirelli ha portato qui. Ci sono stati punti positivi e punti negativi, dobbiamo ancora decidere il programma per domani e per domenica».

Superbike, Thailandia 2019: le sensazioni di Davies

Chaz Davies è più indietro, solamente undicesimo e con oltre un secondo di ritardo rispetto a Bautista. Tuttavia, sente che il suo reale valore sia superiore e nella giornata di sabato conta di dimostrarlo: «La mia posizione nella classifica dei tempi non sembra buona, ma la mia sensazione è migliore rispetto al risultato suggerisce. La gara è lunga e fa molto caldo. Dobbiamo continuare a lavorare sodo e concentrarci sulla durata delle gomme».

L’esperto pilota gallese è fiducioso per il weekend in Thailandia e spera di fare un ottimo risultato nelle manche, punta in alto: «Sento che ci sono margini di miglioramento. Il nostro obiettivo è quello di essere in grado di combattere per il podio nelle gare di sabato e domenica».

 

Matteo Bellan

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori