CONDIVIDI

Max Biaggi e Naomi Campbell

Possibile ritorno di fiamma tra Max Biaggi e Naomi Campbell?

Max Biaggi e Naomi Campbell si sono ritrovati casualmente ad Ibiza venti anno dopo il loro presunto flirt. Un incontro coronato pubblicamente da un tweet dell’ex pilota che ha cinguettato: “Sempre bello rivederti. E’ stato inaspettato e mi hai illuminato la giornata. Dove ci vediamo la prossima volta? A New York?”. Non è quindi da escludere un altro incontro con la modella londinese.

Max e Naomi ebbero una breve e presunta love story nel lontano 1997, una notte di passione terminata in un nulla di fatto dopo che la Venere Nera tornò tra le braccia dell’allora fidanzato Joaquin Cortez, ballerino di flamenco. Il Corsaro ha sempre avuto una certa predilezione per le top model, tant’è che conquistò anche l’avvenente Claudia Schiffer, fino ad innamorarsi dell’ex Miss Italia Eleonora Pedron, da cui ha avuto i due figli Ines Angelica e Leon Alexandre. Ma nel 2015 i due si sono separati e l’ex campione ha intrapreso una nuova avventura sentimentale con la cantante Bianca Atzei conclusasi meno di un anno fa, subito dopo le dimissioni dall’ospedale, dove è rimasto ricoverato per alcune settimane in seguito all’incidente sul circuito ‘Il Sagittario’ di Latina. Negli ultimi mesi Max Biaggi è stato avvistato in compagnia dell’attrice Michelle Carpente, ma secondo la versione del campione si tratterebbe di semplice amicizia. Staremo a vedere.

Sul fronte sportivo-professionale il Corsaro è impegnato nel CEV Moto3 con un team omonimo, ma da qualche anno sta tentato l’ingresso nel Motomondiale. La corsia preferenziale per trovare finalmente un posto d’onore potrebbe essere la KTM. “Forse posso aiutare KTM con il mio know-how nel Campionato del Mondo MotoGP. Non ci sono molti piloti che hanno vinto nella classe regina su vetture di serie Honda e Yamaha”, ha detto in una recente intervista a Speedweek.com. “Il mio background tecnico potrebbe forse aiutare KTM. Il motore è competitivo. Ma immagino che il telaio abbia bisogno di molto lavoro di sviluppo”.