CONDIVIDI

Mark Zuckerberg, torna a parlare e lo fa in un momento fondamentale. Un momento dove il suo social ha forse qualcosa da spiegare ai suoi utenti. Lui non si tira indietro e su Facebook ha postato: “Ho fondato Facebook e in definitiva io sono il responsabile per quello che succede sulla nostra piattaforma. Abbiamo fatto degli errori, c’è ancora molto da fare”,

“Abbiamo la responsabilità di proteggere le vostre informazioni, se non riusciamo a farlo non meritiamo di essere al vostro servizio”.
Zuckerberg non si ferma e  dichiara di essere in opera “per capire cosa sia successo e assicurarsi che non accada mai più”. “La buona notizia – spiega – è che molte misure per prevenire tutto questo sono state già prese anni fa”.

Lui non vuole che accada più un caso come Cambridge Anaytica. Zuckerberg ha subito voluto pianificare le prossime tappe per sistemare la cosa  “Bandiremo gli sviluppatori che non saranno d’accordo con le nostre regole assicurando che il loro numero sarà comunque ristretto per evitare ulteriori abusi sul fronte della privacy.”

 

Dopo aver parlato, il titolo in borsa del Social è ricominciato a salire.