CONDIVIDI

nuovo logo canale 5

Presentato il nuovo logo di Canale 5. Nuova veste grafica anche per il Tg5

Rinnovamento totale per Canale 5 che proprio oggi ha presentato la nuova veste grafica del canale e della testata. Un logo totalmente nuovo così come la sigla del Tg5 che rinnoverà anche la scenografia dello studio. Ad annunciare questa svolta epocale uno spot dove viene ripercorsa la storia della rete ammiraglia di Mediaset con i 7 diversi loghi e quello nuovo con il payoff “Sempre con te”. Il direttore della rete Giancarlo Scheri ha dichiarato: “Canale 5 avrà una nuova immagine dopo tanti anni. Lo spiegheremo ai telespettatori attraverso dei “promo” nei prossimi giorni”. La scelta di rinnovare loghi, sigle e grafiche non è casuale. “Per noi, che siamo una rete generalista moderna e proiettata verso il futuro, l’immagine è importante. Canale 5 continua a migliorare. In prima serata, da gennaio, anche grazie al grande apporto di “Striscia la notizia”, siamo cresciuti di un punto e mezzo di share rispetto a gennaio scorso”.

Logo Canale 5, le parole dei direttori Scheri e Mimun

“Questo mostra l’evoluzione in atto nella programmazione della rete Mediaset con uno stile sempre più innovativo, dinamico, vivace e snello. Il creatore dei nuovi loghi del 2018 è Mirko Pajè, un direttore creativo di Mediaset, ben quattro agenzie internazionali hanno fatto a gara per lavorare sull’impatto grafico complessivo ed è stato vinto dall’agenzia milanese Monkey Talkie. Una rete come la nostra, sempre più votata all’autoproduzione dei programmi (fatti da noi, non importati o acquistati), è la dimostrazione che la tv generalista è più viva che mai”. Il nuovo logo di Canale 5 è più moderno e stilizzato e il cambiamento coinvolge anche il Tg5 che non aveva mai rivoluzionato così profondamente l’immagine. Queste le parole del direttore del telegiornale Clemente J Mimun “I telespettatori non saranno scioccati dal cambiamento che sarà deciso ma discreto e riguarderà in parte anche i contenuti. Il nostro sarà un tg sempre più accurato e profondo. L’obiettivo è infatti cercare di conservare il nostro pubblico e avvicinare anche i più giovani, abituati a una fruizione mordi e fuggi”.