CONDIVIDI
(Getty Images)
(Getty Images)

La Guardia di Finanza deve fare un passo indietro. Dopo i sigilli posti nel novembre scorso a 11 scooter cinesi “contraffatti” appartenenti a 7 espositori presenti all’ultima edizione dell’EICMA, ora è arrivato l’ordine di dissequestro.

Secondo i finanzieri, i veicoli messi sotto sequestro costituivano un’evidenza imitazione della Vespa e violavano il diritto di esclusiva del Gruppo Piaggio – da cui è partita la denuncia – sulle “forme” del suo storico modello. E le immagini degli esemplari in questione lasciano pochi dubbi al riguardo…

Nei giorni scorsi, tuttavia, il Tribunale di Varese ha ordinato la restituzione di due modelli “Eivissa”, accogliendo le tesi difensive del costruttore cinese Wangye Power e “confermando le rilevanti differenze esistenti e dunque l’assenza di contraffazione del marchio tridimensionale Vespa”.

Redazione

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori