CONDIVIDI

TRAFFICO AUTO IN CINA – I cinesi, si sa, non amano le mezze misure. E visto che non amano fare le file hanno deciso per il 2011 di bloccare le immatricolazioni di auto nuove nella citt√† di Pechino nel tentativo di allentare la morsa del traffico che stritola la metropoli. Il comune ha infatti deciso di accettare l’immatricolazione di appena alle 240.000 nuove auto. Una cifra comunque mostruosa per una sola citt√† (corrisponde ad un quarto del mercato italiano…) ma ridicola per la metropoli cinese che normalmente vede crescere il suo parco circolante di mezzo milione di auto l’anno.

Funzioner√†? Probabilmente no: √® la stessa China Automobile Dealers Association a spiegare che nel 2001 a Pechino l’anno prossimo si immatricoleranno 400.000 veicoli (l’88% saranno auto per i privati, il 2% per i servizi commerciali e il restante 10% per le aziende e la Pubblica amministrazione) perch√© il tetto fissato a 240.000 nuove auto sar√† sfondato da altre 160.000 mezzi visto che, secondo la legge, chi vende la propria auto per acquistarne una nuova pu√≤ riutilizzare la targa vecchia. Non solo: nei giorni scorsi, prima della fine dell’anno, molti automobilisti hanno anticipato l’acquisto dell’auto nuova, portando cos√¨ il 2010 a una cifra record di vendite di 800 mila auto.

C’√® poi il problema dell’assegnazione dei permessi: chi saranno i 240 automobilisti che avranno diritto a comprare una macchina nuova? Nella citt√† pi√π corrotta del mondo un problema nel problema. Cos√¨ la pubblica amministrazione ha deciso di ricorrere ad un complesso sistema di estrazione a sorte. Una specie di lotteria, dove chi vince paga e compra un’auto. Ecco, forse proprio questo particolare spiega meglio pi√π di mille discorsi la distanza – ormai astrale – fra il mercato dell’auto europeo e quello cinese: da noi le auto non si vendono neanche a cannonate, a Pechino la possibilit√† di acquistare una macchina √® un vero premio…

Repubblica.it

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori