CONDIVIDI
Anziano
(Getty Images)

I Carabinieri di Acilia hanno messo fine ad una terribile vicenda, scoprendo le vessazioni di una coppia di romeni nei confronti di un anziano malato di 73 anni

Terribile quanto accertato dai Carabinieri della Stazione di Acilia che hanno scoperto una coppia di romeni che schiavizzava un povero anziano, vicino di casa, di 73 anni. I due coniugi, di 64 anni lui e di 61 la moglie avevano approfittato del 73enne sottraendogli la pensione e costringendolo a chiedere l’elemosina per strada nonostante le sue condizioni di salute.

Fermati due rumeni: l’uomo non si sottoponeva alla dialisi per mendicare

Una vicenda dai contorni quasi macabri quella di un povero anziano di 73 anni residente a Roma che è stato ingannato e schiavizzato da una coppia. I due coniugi, entrambi di origine rumena, avevano raggirato l’anziano vicino di casa chiedendogli l’intera pensione che percepiva e costringendo ad elemosinare davanti ad una farmacia. Oggetto del ricatto era la minaccia che un possibile giudice avrebbe potuto sottrarre la casa al 73enne, il quale impaurito da tale eventualità era caduto nella trappola. I due, lei di 61 anni ed il marito di 64 anni, erano stati aiutati dall’anziano in passato che in un momento di difficoltà. Inoltre il 73enne malato per mendicare non si recava alle terapie di dialisi a cui doveva sottoporsi dati i suoi problemi di salute. A scoprire le numerose vessazioni sono stati i Carabinieri della Stazione di Acilia, nel corso di numerosi appostamenti effettuati nell’ambito del piano “Natale Sicuro”. Quest’ultimo è stato attivato dall’Arma per la prevenzione delle famiglie e dei soggetti meno agiati ed indifesi in situazioni precarie non solo in termini economici. Al termine delle operazioni di indagine i militari hanno tratto in arresto la moglie, accusata di riduzione in schiavitù aggravata, e denunciato a piede libero il marito per concorso nella stessa fattispecie di reato. L’uomo inizialmente, forse impaurito ancora dalle minacce dei due, non ha ammesso di essere stato soggiogato, poi, una volta tranquillizzato e rassicurato dai Carabinieri, ha raccontato i particolari della vicenda. I due coniugi sono stati colti in flagrante davanti la farmacia dove l’anziano chiedeva l’elemosina e poi consegnava i soldi ai suoi aguzzini. La donna è stata condotta presso la casa circondariale Rebibbia di Roma.

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori