Targhe straniere
Targa auto (photo dal web)

Con l’inizio di dicembre è entrato in vigore l’ultimo decreto riguardante la circolazione delle automobili in Italia con targhe straniere. Stando a quanto affermato da IlSole24ore.com si stanno accendendo le prime polemiche riguardanti le sanzioni che stanno cominciando ad arrivare soprattutto a cittadini originari dell’est Europa. Se viene fermato un veicolo con targa straniera le forze dell’ordine devono verificare da quanto il guidatore in questione risieda in Italia. Se la sua residenza è in Italia da più di 60 giorni la vettura con targa di un altro Paese non può circolare e va immediatamente immatricolata nuovamente o trasferita nel Paese in cui è stata rilasciata. La novità è solo di pochi giorni ma già sono arrivate numerose multe, in particolare al nord, tra Veneto ed Emilia Romagna.

Per tutte le informazioni sulle novità delle auto e moto CLICCA QUI

Targhe straniere, arrivano le prime multe

Chi è incappato nella sanzione dovuta alla nuova legge può quindi scegliere se procedere alla nuova immatricolazione del proprio veicolo o decidere di riportarlo fuori dall’Italia. La reimmatricolazione però al momento non appare un processo molto veloce da affrontare considerati tutti i passaggi burocratici da passare ed anche quelli relativi alla revisione considerato che in alcuni Paesi non si hanno le stesse leggi italiane e potrebbero risultare scadute agli occhi della nostra legge. Novità che stanno portando confusione e tensione soprattutto negli uffici della Motorizzazione in questi giorni. Una questione che è stata affrontata anche dall’ambasciatore della Romania in Italia che ha chiesto di poter incontrare i ministeri di Trasporti ed Interno per valutare la situazione.

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore