CONDIVIDI
strasburgo attentato chekatt cherif
Chekatt Cherif, l’attentatore di Strasburgo

Sui social network circolano le riprese filmate girate al momento da chi ha assistito all’attentato di Strasburgo. Questa l’identità del terrorista.

Si chiama Chekatt Cherif l’uomo che ha attuato un attentato a Strasburgo, colpendo ai mercatini di Natale e causando la morte di 3 persone ed il ferimento di altre 13. Tra le quali figurano soprattutto turisti. L’uomo di origini maghrebine si è dato alla fuga, ed attualmente almeno 350 agenti di polizia e delle forze speciali sono sulle sue tracce. Si tratta in prevalenza di uomini del BRI (Brigade de Recherche et d’Intervention), del RAID (Recherche, assistance, intervention, dissuasion) e di militari impegnati nell’operazione Sentinelle. Presenti pure agenti del GIGN (Groupe d’intervention de la police nationale) di stanza a Digione. Nel corso di questa notte sono scattati dei blitz negli ambienti che si ritiene Cherif abbia frequentato fino a poco tempo fa.

Strasburgo, l’attentatore ferito subito dopo

Da quanto risulta, l’attentatore è scappato prendendo un taxi, dopo essere entrato due volte in contatto con le autorità. E pare sia stato ferito ad un braccio. La polizia di Strasburgo avrebbe confermato che il suo ultimo avvistamento pare sia avvenuto non lontano da un commissariato del quartiere Neudorf. Cherif ha colpito utilizzando un’arma da fuoco verso le ore 20:00 di ieri, martedì 11 dicembre. Tra i feriti c’è anche un giovane giornalista italiano. L’attentatore ha 29 anni e nella sua fedina penale ci sono dei precedenti per aggressione. Cosa che in passato ne ha causato l’arresto. Lui è nato a Strasburgo e si sa di lui che si è radicalizzato fino ad essere ritenuto una minaccia per la sicurezza nazionale.

I video degli attimi di terrore

Il sindaco di Strasburgo ha subito diffuso un avviso in cui ha invitato la cittadinanza a starsene chiusa in casa, mentre tutti i quartieri della zona colpita dall’attentato sono rimasti chiusi ed è stato chiamato all’opera anche un elicottero per passarli rapidamente al setaccio. Si ritiene che Cherif abbia agito anche con l’aiuto di alcuni complici. E sembra anche che ieri mattina il terrorista sia riuscito a sfuggire ad un blitz della polizia, nell’ambito di una indagine per rapina. sui social network circolano anche dei video di chi era presente alla sparatoria innescata dal nordafricano o di chi abita nei pressi della zona colpita da questo atto terroristico.

LEGGI ANCHE –> Sparatoria a Strasburgo, parla un testimone

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori