CONDIVIDI

 Anche Claudio Amendola ha voluto omaggiare l’amico Ennio Fantastichini, morto nella serata di sabato all’ospedale Federico II di Napoli.

L’Attore romano oggi era predente presso la Casa del Cinema di Roma dove è stata allestita la camera ardente per l’attore nato nella provincia di Viterbo a Gallese:

“La fortuna di fare questo mestiere è che uno lascia ed Ennio ci ha lasciato 100 interpretazioni una più bella dell’altra. E’ difficile trovare le parole, ricordo sopratutto le giornate di lavoro nella mia prima regia e da collega più grande aveva un attenzione un rigore nel lavoro che è l’eredità che lascia. Il suo rigore nell’essere attore è la più grande eredità che può lasciarci in questa festa di oggi, come ci diceva il fratello, perché qui siamo nella casa del Cinema e avrebbe voluto così”

Anche nella serata di sabato, sempre Amendola, durante Portobello   ospite di Antonella Clerici, prima di lasciare il palco ha voluto ricordare con le lacrime agli occhi il suo grande amico.

“Facciamo un mestiere meraviglioso che ci impone sempre di andare avanti comunque e di tirar fuori il meglio di noi e il sorriso – ha iniziato l’attore -. Questa sera ho fatto moltissima fatica perché è morto un mio carissimo amico. È morto Ennio Fantastichini. Qui siamo per ridere. Per come lo conosco Ennio mi avrebbe detto ‘vai in scena e dai il meglio di te’. E io gli mando un grande bacio. Grazie per avermelo fatto dire”.

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori