giovedì, dicembre 13, 2018
Home News Shock a Maranello: Incidente in fabbrica, ma Ferrari nega

Shock a Maranello: Incidente in fabbrica, ma Ferrari nega

CONDIVIDI
Fabbrica Ferrari (©Getty Images)

News | Shock a Maranello: Incidente in fabbrica, ma Ferrari nega

La controversa vicenda è stata diffusa solamente nelle ultime ore, ma i fatti sono avvenuti lo scorso 25 ottobre quando nella fabbrica Ferrari di Maranello sarebbe avvenuto un incidente sul lavoro. Un episodio preoccupante su cui è voluta intervenire con un comunicato ufficiale di denuncia la Rsu FIOM del Cavallino.

La denuncia

“Nella giornata di giovedì è avvenuto un fatto estremamente grave in Ferrari Auto Spa a Maranello: un lavoratore è rimasto chiuso all’interno della sabbiatrice in fonderia, dopo essere entrato nell’impianto per recuperare un componente che era caduto.…”, il testo del comunicato.  “La procedura è una prassi consolidata di cui l’azienda è a conoscenza. Il lavoratore è rimasto chiuso nell’impianto, al buio, sbattendo i pugni per farsi sentire per circa 40 minuti. Una volta liberato dall’impianto dagli altri lavoratori che si erano preoccupati per la sua assenza, è stato costretto, a causa dello stato di agitazione mentale, a fare la spola fra l’infermeria e l’area relax per riprendersi dallo stato di forte choc in cui era caduto”.

La Fiom/Cgil e la Rsa Fiom giudicano grave questo incidente che avrebbe potuto avere conseguenze molto più pesanti. Fra l’altro”, prosegue il messaggio a firma di Matteo Parlati della Rsa Fiom/Cgil,“siamo venuti a conoscenza che non è la prima volta che si verificano episodi del genere. Nonostante i preposti del reparto si siano attivati  con i delegati presenti in area, siamo costretti ad evidenziare procedure che troppo spesso non vengono analizzate adeguatamente dall’azienda”.

La risposta

Dal canto suo la Casa automobilistica più famosa al mondo si è difesa annacquando quanto accaduto.

Non c’è stato alcun incidente“, il commento di un portavoce. “Un addetto è soltanto rimasto chiuso in un locale. Essendosi subito avviata la procedura di sicurezza, si è dovuto attendere 30 minuti prima dello sblocco della porta. E’ stato un evento spiacevole, ma in cui il lavoratore non ha corso rischi. Ferrari ha inviato comunque un’indagine per evitare il ripetersi di questi episodi”.

Il sindacato ha richiesto pubbliche scuse, tuttavia per il momento non sono arrivate.

Chiara Rainis

Resta sempre aggiornato con le nostre ultimissime news di motori e altro su Google News

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori