CONDIVIDI

nuda strada salerno

È accaduto la notte tra domenica e lunedì, in via delle Calabrie. I poliziotti l’avevano trovata nuda per strada, nel cuore della notte, e in un primo momento avevano creduto fermamente che volesse suicidarsi. Una volta in caserma, però, la donna georgiana ha raccontato loro una terribile storia fatta di violenze e di soprusi. Era scappata di casa, nuda così come si trovava per scappare alla violenza del fidanzato marocchino che, nella giornata di ieri, è stato fortunatamente rintracciato e denunciato.

La straniera è stata soccorsa e trasportata in ospedale, dove le sono state esaminate le lesioni, in particolare quella alla testa che sarà guaribile in circa cinque giorni. In seguito i poliziotti hanno eseguito un sopralluogo nella sua abitazione e rintracciato tracce di sangue, nonché un utensile con cui la georgiana aveva riferito di essere stata minacciata dal marocchino, a cui sarebbe legata sentimentalmente. Quando l’uomo è stato rintracciato, è stato portato presso gli uffici della Questura dove, al termine degli accertamenti, è stato denunciato per le lezioni e violenza privata, avendole impedito di allontanarsi dall’appartamento chiudendo a chiave la porta dell’abitazione.

Cosa è successo quella notte tra i due?

Dalla ricostruzione della dinamica della lite è emerso, infatti, che la donna aveva deciso di trascorrere una serata a casa del suo fidanzato, ma tra i due è sorta una discussione protrattasi fino a tarda notte durante la quale la donna è stata colpita alla testa. Successivamente è riuscita a scappare calandosi giù dal balcone del primo piano, visto che la porta d’ingresso era difatti chiusa a chiave.

Il marocchino è stato posto a disposizione del locale Ufficio Immigrazione ed al termine degli accertamenti è stato emesso nei suoi confronti il provvedimento di espulsione dal territorio nazionale.

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori