CONDIVIDI
Traffico
©Getty Images

Rivoluzione bollo auto europeo, come si calcola

Il bollo auto tradizionale presto potrebbe scomparire e diventare “continentale”. La commissione Trasporti del Parlamento europeo ha presentato una proposta per rendere la tassa automobilistica identica per tutti i Paesi dell’UE.

Il progetto prevede criteri di calcolo differenti per il bollo auto europeo. Fino ad oggi in Italia il bollo auto si calcola in base ai cavalli e ai kw, mentre la nuova tassa dovrebbe tenere conto anche dei km percorsi durante l’anno. In particolare saranno due i parametri che verranno presi in considerazione per calcolare l’importo da pagare: da una parte i chilometri percorsi e dall’altra il grado di inquinamento della vettura. Quindi, più si utilizza l’auto maggiore sarà il prezzo da pagare, soprattutto se ha un motore particolarmente inquinante. Sarà necessario che tutti i veicoli siano dotati di un congegno elettronico adatto per rilevare la distanza percorsa, così da rilevare le informazioni utili ai fini del calcolo.

Per il bollo auto europeo, però, ci sarà da attendere ancora molti anni. Qualora il provvedimento proposto dalla Commissione Trasporti ottenesse il via libera del Consiglio europeo – e l’approvazione dei 27 Stati membri dell’Unione – si dovrà attendere fino al 2026 per la sua completa introduzione. L’intenzione dell’Ue è di inaugurare il bollo europeo nel 2023 solo per i mezzi pesanti e quelli di peso superiore alle 2,4 tonnellate, prima di coinvolgere tutti i veicoli.

Ma sono già state sollevate delle polemiche sul metodo di attribuire l’importo dovuto, perchè calcolando i km percorsi verranno maggiormente penalizzati coloro che utilizzano l’auto tutti i giorni per recarsi a lavoro, i cosiddetti pendolari, che lavorano lontano da casa e abitano in zone non ben collegate con i mezzi pubblici ad esempio. Al contrario potrebbero risparmiare sul bollo auto europeo i possessori di auto di lusso che hanno il loro bolide parcheggiato in garage e per spostarsi utilizzano la macchina aziendale.

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori