CONDIVIDI

Una donna muore a causa di una forma estremamente aggressiva di cancro ed il suo compagno si vede recapitare una lettera assurda da PayPal.

Ha dell’incredibile la storia, purtroppo contraddistinta da un triste epilogo, capitata a Lindsay Durdle, una donna inglese di 37 anni proveniente da Buckleberry e la cui vita è stata spezzata da una forma aggressiva di cancro al seno. A nulla sono valsi i tentativi di lottare e di resistere alla malattia. Ma come se non bastasse, oltre alla sua perdita, il marito di Lindsay si è ritrovato a dover lottare anche contro l’insensibilità della burocrazia. Infatti pochissimo tempo dopo il decesso della compagna, a Howard Durdle è giunta una lettera da parte di PayPal nella quale veniva evidenziato come la scomparsa di Lindsay costituisse una “chiara violazione dei regolamenti”. Questo a causa di un debito di circa 4mila euro che la 37enne aveva contratto con la società. Ma con il triste avvenimento ormai avvenuto, Howard aveva spedito certificato di morte ed altre documentazioni del caso a PayPal ed anche ad altre utenze per far chiudere ogni contratto in essere.

PayPal, lettera assurda: “Non doveva morire…”

L’azienda però ha replicato inviando questa lettera colma di estrema insensibilità, nella quale veniva riportato che non era possibile porre rimedio alla violazione dei termini causati dalla morte di Lindsay. Howard allora ha contattato di persona PayPal, ricevendo delle imbarazzatissime scuse oltre alla promessa di una indagine interna per stabilire come possa essere accaduto un equivoco talmente clamoroso e fuori luogo. Ovviamente anche sulla chiusura del debito ha ottenuto le opportune rassicurazioni. Howard però non è intenzionato a finirla qui ed ora vuole aprire un contenzioso legale contro PayPal. “Devo farlo, sia per tutelare me stesso che qualsiasi altra persona che si trova nell’orribile situazione di vivere quel che sta capitando a me. Atti così insensibili possono risultare davvero devastanti”.

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori