CONDIVIDI
Valentino Rossi (Getty Images)

Laureus Awards | Trionfo di Federer, Valentino Rossi resta a bocca asciutta

Valentino Rossi si appresta ad affrontare una nuova intensa stagione di MotoGP. Il pilota di Tavullia è vicino al passo d’addio, ma ancora non ha sciolto le riserve sul suo futuro. Intanto però per il Dottore è arrivata la prima sconfitta stagionale. Il 46, infatti, era stato candidato al Laureus Awards 2018 come “Il ritorno dell’anno”.

A strappare il trofeo dalle mani di Valentino Rossi però ci ha pensato il tennista Roger Federer, autore di una stagione praticamente maestosa. Lo svizzero ha messo a segno anche la sua 5a vittoria del Laureus Awards come “Sportivo dell’anno”.

L’Italia è ben rappresentata

Niente premio quindi per Valentino Rossi, che era stato protagonista ai Laureus Awards nel 2011 per il “Ritorno dell’anno”. Il Dottore aveva inoltre ricevuto lo stesso premio anche nel 2006 quando aveva vinto il trofeo dedicato allo “Spirito sportivo”.

Spazio ai motori, invece, per quanto concerne la “Squadra dell’anno”. In questo caso, infatti, il premio è andato alla Mercedes, che ha vinto l’ultimo mondiale costruttori di Formula 1, oltre naturalmente a quello piloti con Lewis Hamilton. Non è la prima volta che una scuderia di F1 riceve tale premio.

Nel 2010 era toccato alla Brawn GP, in un certo qual modo antesignana della stessa Mercedes, mentre nel 2006 era stata la Renault a fare suo l’ambito premio. A bocca asciutta, invece, la Ferrari, che dal 2000 ad oggi non è mai riuscita a fare suo l’ambito trofeo.

L’Italia dello sport però per questa edizione dei Laureus Awards può comunque sorridere. Infatti, nella speciale categoria “Risultato eccezionale”, il premio è finito al nostro Francesco Totti. Per quanto concerne, invece, le restanti categorie hanno vinto: Serena Williams (Sportiva dell’anno), ActiveCN (Sport per il bene), Armel Le Cléac’h (Sportivo alternativo dell’anno), Marcel Hug (Sportivo disabile dell’anno) e Sergio Garcia (Rivelazione dell’anno).

Antonio Russo