Astori (foto dal web)

La Procura di Firenze, nell’ambito dell’inchiesta sul decesso del capitano della Fiorentina Davide Astori, ha iscritto nel registro degli indagati due medici per omicidio colposo

Lo scorso 4 marzo veniva a mancare il capitano della Fiorentina Davide Astori. Il corpo senza vita del giocatore è stato ritrovato nell’albergo di Udine dove si trovava con la squadra per affrontare l’Udinese in campionato. Oggi, ad oltre 9 mesi dalla sua scomparsa, sembra essere arrivata una svolta nell’inchiesta per accertare le cause della morte. Secondo quanto riportato dall’Ansa, difatti, sono stati iscritti nel registro degli indagati due medici per omicidio colposo.

Decesso Davide Astori: due medici indagati per omicidio colposo

La mattina della domenica del 4 marzo, il mondo calcistico e non solo viene sconvolto da una tragica notizia: Davide Astori giocatore e capitano della Fiorentina è deceduto. Il calcio si ferma per un attimo a riflettere che dietro questi giocatori, idoli di grandi e bambini, ci sono grandi uomini, mariti e padri. Dall’autopsia emerge che Astori se n’è andato, lasciando una compagna ed una figlia di due anni, a causa di una fibrillazione ventricolare dovuta ad una patologia genetica di natura cardiaca conosciuta come cardiomiopatia aritmogena silente. La Procura di Udine, subito dopo il decesso, ha aperto un procedimento penale a carico di ignoti per omicidio colposo che successivamente a giugno è passato nelle mani della Procura di Firenze.

Oggi, dopo mesi di indagini e una super perizia per stabilire se la patologia di Astori avrebbe potuto essere diagnosticata e quindi evitargli la morte, è arrivata la svolta nell’inchiesta aperta per accertare le cause del decesso del giocatore ed eventuali responsabili. Secondo l’Ansa, difatti, i magistrati del capoluogo toscano hanno emesso due avvisi di garanzia nei confronti di altrettanti medici, i quali risultano adesso indagati per omicidio colposo. I due sanitari sarebbero dei professionisti in servizio all’interno delle strutture pubbliche di Firenze e di Cagliari, che all’epoca dei fatti furono coloro i quali si occuparono delle certificazioni di idoneità sportiva di Astori. I due indagati, secondo gli inquirenti, avrebbero firmato le idoneità sportive al calciatore quando militava nel Cagliari e poi nella Fiorentina. Ad oggi non sono indagati membri dello staff medico di nessuna società sportiva.

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore