CONDIVIDI

MINACCE BR A MARCHIONNE – La questione del referendum che si terr√† tra qualche giorno per l’approvazione del nuovo accordo per Mirafiori assume contorni che esulano della semplice dialettica e dall’immancabile confronto tra le parti. In particolare, gli sviluppi delle ultime ore riguardano l’amministratore delegato di Fiat, Sergio Marchionne, che √® stato oggetto di alcune scritte offensive, pare arrivate da alcuni gruppi che si vorrebbero identificare come nuove Brigate Rosse.

La vicenda consiste in un manifesto pubblicitario imbrattato con una scritta infamatoria nei confronti dell’ad Fiat dipinta con della vernice rossa e accompagnata dalla stella a cinque punte. Stesso “copione” seguito per altre due scritte recanti le frasi “Non siamo noi a dover diventare cinesi” e “Ma i lavoratori cinesi a diventare come noi”.

Per la Digos di Torino, che si sta occupando di far luce sull’accaduto, il collegamento con le Brigate Rosse non pu√≤ essere considerato necessariamente diretto, tanto che alcune fonti vicine agli inquirenti parlando si “simbologia forte”, usata per alzare i toni con l’avvicinarsi del referendum che decreter√† di fatto il futuro dello storico stabilimento Fiat.

Il clima resta comunque molto teso e, sebbene non siano mancate le testimonianze di solidariet√† a Sergio Marchionne anche dalle parti contrapposte al suo piano, tutte unite nel condannare le scritte, la tensione con i sindacati permane, con la Fiom che ha fatto intendere di voler percorrere la strada dell’intransigenza e la Cigl chiamata a rivedere o a mantenere una posizione forte, secondo cui si potrebbe arrivare allo sciopero generale.

Motori.it

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori