CONDIVIDI
Mina, a 40 anni dal ritiro la verità: era una broncopolmonite
(websource)

News | Mina, a 40 anni dal ritiro la verità: fu per una malattia

“Quell’anima lunga che sembra un contrabbasso con tutte le corde a posto, quelle carni bianche da gelato alla crema, quella creatura che recita poco e male, ride al momento sbagliato, coprendosi la bocca con la mano. Ma se si spengono le luci e lei comincia a cantare, da quella voce escono grandi palcoscenici, pianto e risate.”

Era così che l’aveva definita Totò, quando ancora era nel pieno della sua carriera, descrivendo le sue imperfezioni che si dissolvevano nel nulla al momento in cui prendeva un microfono e apriva bocca per cantare. La tigre di Cremona, così l’avevano definita Mina, nel lontano 23 agosto del 1978 non scelse lei di mettere fino alla sua carriera ma una tosta broncopolmonite virale.

Da un po’ di anni a questa parte abbiamo la possibilità di vederla soltanto in video, in immagini in bianco e nero che sembrano averla lasciata lì, intatta, ferma nel tempo, la sua voce dal vivo è un’emozione che manca a tutti, anche a quelli nati dopo che non hanno avuto l’opportunità di conoscerla e provarla sulla pelle. Chi l’ha provata dice che la sua voce si può ascoltare al meglio soltanto dal vivo, perché nessuna incisione renderà mai giustizia e potrà mai restituire quelle sonorità, quelle sfumature che fanno la differenza.

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori