CONDIVIDI

MERCATO AUTO – In Italia √® scesa del 10,3% la spesa per acquistare auto nuove. I dati resi noti da Unrae (l’associazione che riunisce i rappresentanti delle Case estere in Italia) mostrano che se nel 2009 la spesa era stata di 41,9 miliardi di euro, nel 2010 arriver√† a malapena a 37,6 miliardi. In calo (del 2%) anche la spesa per acquistare auto usate segno che da un lato la domanda √® in calo e dall’altro che i prezzi sono rimasti uguali o addirittura sono scesi. In ogni caso, mancano all’appello circa 200.000 immatricolazioni, molte delle quali erano composte da veicoli alimentati a metano o gpl in seguito al termine degli ecoincentivi.

“A mantenere bassa la spesa totale degli italiani – ha detto Gianni Filipponi, direttore generale Unrae – √® stata anche la stabilit√† dei prezzi delle auto, costantemente al di sotto del tasso di inflazione e nettamente inferiori al trend di crescita dei principali costi di gestione, come carburanti e assicurazioni”. I dati mostrano anche che gli acquisti fatti dai minori di 35 anni di et√† sono in diminuzione mentre sono aumentati quelli degli “over 55” e delle donne.

In base alle statistiche e alle previsioni Unrae, nel 2011 il mercato in Italia caler√† del 5,6% rispetto al 9,2 di quest’anno quando saranno immatricolate 1,96 milioni di nuove auto. Considerando invece dicembre di quest’anno, le 135.000 unit√† che si prevede saranno vendute in questo mese rappresenteranno un crollo del 22,15% rispetto allo stesso periodo del 2009.

Per il nuovo anno, resta da vedere se l’ennesimo aumento del prezzo della benzina incider√† sulle vendite, soprattutto dei privati che sono l’anello debole della catena: le auto aziendali, infatti, hanno pi√π o meno tenuto il mercato.

Motori.it