CONDIVIDI

La mamma di Paul Walker rivela dettagli prima della morte

La madre di Paul Walker, Cheryl, ha rivelato nuovi dettagli sul giorno in cui il figlio dell’attore è rimasto tragicamente ucciso in un incredibile incidente d’auto nel 2013. Nel nuovo documentario sulla sua vita, I Am Paul Walker, sua madre rivela di aver dimenticato tutto dell’evento per la sua organizzazione di beneficenza Reach Out Worldwide, che si sarebbe rivelata il suo ultimo impegno.

Ha detto che la mattina della sua morte, mentre era in pausa dalle riprese di Furious 7, era di buon umore mentre sedeva nella sua cucina con la figlia di 15 anni, Meadow, facendo progetti per scegliere e decorare un albero di Natale quella sera. “Stavamo facendo una buona conversazione, e si era dimenticato di un evento che aveva”, ha rivelato a People. “Ha ricevuto un messaggio e ha detto: “Oh mio Dio, dovrei essere da qualche parte! ” Si precipitò fuori dalla porta verso questa raccolta fondi, tenuta in un negozio di corse, a beneficio delle vittime del tifone Haiyan nelle Filippine.

Walker ha lasciato l’evento in una Porsche Carrera GT guidata dal suo amico e consulente finanziario, l’ex pilota automobilistico Roger Rodas. L’auto ha perso il controllo schiantandosi contro un lampione ed è esplosa, uccidendo entrambi gli uomini all’istante. “Penso che così tante persone pensino ‘Oh, era solo una star del cinema che è stata uccisa in un incidente d’auto Ma c’era molto di più in lui”, ha aggiunto la mamma di Paul Walker, “era solo una parte di quello che era, era un uomo straordinario”.

Ora quasi cinque anni dopo la sua perdita, i membri della famiglia dicono di avere i loro modi speciali per mantenere viva la memoria di Paul. Per il compleanno di Paul, il 12 settembre, la tradizione della famiglia è quella di andare a Huntington Beach (uno dei luoghi preferiti dagli appassionati di surf) e gettare i girasoli nell’oceano e raccontare il loro ricordo preferito del loro amato figlio e fratello. “Ho ricevuto lettere da persone di tutto il mondo. Questa è una benedizione. Non è mai stato dimenticato”.