CONDIVIDI

Un’autocisterna è esplosa in zona Borgo Panigale, a Bologna, da cui è scaturito un incendio fra la tangenziale e alcune concessionarie di auto che ha provocato al momento 3 morti accertate e una sessantina di feriti. Il ponte dell’autostrada del raccordo A1-A14 di Casalecchio è in parte crollato. Lo scoppio sarebbe stato provocato da un incidente che ha coinvolto tre mezzi pesanti. La maggior parte dei feriti è stata trasportata al vicino Ospedale Maggiore. Tra le persone rimaste coinvolte figurano anche 11 carabinieri e due poliziotti della stradale, che stavano dirigendo il traffico dopo un precedente incidente stradale

Numerose auto di alcune concessionarie vicine hanno preso fuoco e sono esplose. La colonna di fumo provocata dal rogo è stata visibile da tutta la città di Bologna. I vigili del fuoco sono intervenuti con diversi elicotteri per domare del tutto le fiamme. Stava probabilmente trasportando gpl l’autocisterna scoppiata poco prima delle 14 a Borgo Panigale sull’A14. Lo ha detto l’ingegner Giovanni Carella, coordinatore emergenze dei vigili del fuoco dell’Emilia-Romagna. “L’onda d’urto è stata violentissima. Molte persone presentano infatti ferite da taglio a causa dei vetri. La deflagrazione ha squarciato le lamiere dell’autocisterna. Le fiamme si sono alzate altissime ma sono state domate abbastanza presto”, ha riferito l’ingegner Giovanni Carella, coordinatore emergenze dei vigili del fuoco dell’Emilia-Romagna.