CONDIVIDI
photo FIM

La pilota americana Valerie Thompson si è salvata da un incidente ad alta velocità in Australia questa settimana, quando la sua moto “BUB 7” streamliner in fibra di carbonio si è schiantata a 552 km/h durante i World Speed ​​Trials sul Lake Gairdner. Il suo obiettivo era di superare i 605 km/h.

“Voglio ringraziare il team di sicurezza in Australia che ha fatto un lavoro di qualità superiore per assistermi”, ha detto Valerie Thompson. “Senza il design superiore e le caratteristiche di sicurezza incorporate nella moto da Denis Manning, John Jans e dal Team non avrei inviato questo messaggio ora. Un grande ringraziamento va a tanti fan che si sono fermati per salutarci e sono rimasti qualche giorno in più solo per vedere il nostro tentativo “.

Nei giorni precedenti del ​​World Speed ​​Trials, la Thompson, 50 anni, ha battuto il record femminile di 304 miglia all’ora con una corsa completa di 328 miglia all’ora. “Ci vorrà del tempo per determinare il perché, ma sappiamo certamente quando e come”, ha detto Denis Manning in Australia. “Il lato oscuro, come io lo chiamo, è dove non sai veramente cosa può accadere in caso di incidente. Tutto questo è roba molto pericolosa. Come costruttore sono molto orgoglioso perchè la macchina ha fatto quello che pensavo avrebbe fatto.

Un rapporto preliminare della Fédération Internationale de Motocyclisme (FIM) ha detto che la parte posteriore dello streamliner di Thompson è decollata prima che i suoi paracaduti le consentissero di fermarsi. Il veicolo è caduto su un fianco, scavando una profonda fossa e diffondendo macerie per oltre un chilometro.

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori