Polizia costaricana
Polizia costaricana (Getty Images)

Un imprenditore italiano di 56 anni è stato accoltellato ed ucciso in Costa Rica da un gruppo di sconosciuti che probabilmente ha cercato di rapinarlo mentre faceva joggin nel parco della Capitale

Un imprenditore 56enne è stato ucciso a San José, la capitale del Costa Rica. La vittima è Gianfranco Pescosolido, 56 anni originario di Arce, un piccolo paesino in provincia di Frosinone, ma ormai da anni residente nel stato del centro America. L’uomo, secondo la ricostruzioni effettuata dagli organi di Polizia costaricana, è stato ritrovato all’interno del parco La Sabana della Capitale, probabilmente aggredito in un tentativo di rapina sfociato in tragedia.

Omicidio imprenditore italiano: per gli inquirenti una rapina finita male

Gianfranco Pescosolido aveva lasciato da tempo Arce e l’Italia per trasferirsi in Costarica dove lavorava nel settore del turismo, organizzando viaggi, sua grande passione, insieme alla nuova compagna Rosalba, da cui aveva avuto due figli. L’imprenditore in Italia si occupava, invece, d’arredamento per uffici insieme al fratello Ernesto. Durante la scorsa notte Gianfranco era uscito per fare jogging, attività che praticava spesso, al Parque Metropolitano La Sabana di San José, dove sarebbe stato aggredito da una banda che probabilmente cercava di rapinarlo. La tentata rapina, però, è sfociata in tragedia, dato che l’uomo è stato ripetutamente ferito con un fendente all’addome ed al petto. I soccorsi della Croce Rossa giunti sul posto hanno provato a rianimare l’uomo che è stato trasferito presso l’ospedale San Juan de Dios, dove poco dopo è deceduto. La morte è giunta per le ferite da taglio e, secondo il racconto dei familiari, anche per un problema di coagulazione del sangue. I parenti di Pescosolido hanno raccontato che Gianfranco non aveva beni di valore con sé essendo in tenuta sportiva da jogging. La polizia costaricana ha aperto un’indagine e momentaneamente non ci sono persone fermate, ma i sospetti sembrerebbero essere concentrati su tre minorenni. L’imprenditore originario di Arce è il terzo italiano ucciso in pochi mesi sul territorio costaricano. Prima di lui, nel maggio del 2018, sono stati uccisi gli imprenditori Stefano Calandrelli e Salvatore Ponzo a pochi giorni di distanza l’uno dall’altro.

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore