CONDIVIDI
Foto dal web

Fabrizio Frizzi ci stava riuscendo. Voleva farcela per sua figlia. Invece nella notte la notizia che ha sconvolto il mondo della televisione e non solo. E’ morto il presentatore della porta accanto e in molti ora si stanno chiedendo: ma cosa è realmente successo?

Il conduttore romano è deceduto per un’emorragia cerebrale. Si è spento per una situazione che va ovviamente studiata da parte degli esperti  ed è molto  importante provare a capire cosa sia accaduto nel suo corpo. Quello che ha portato alla morte Frizzi si chiama ICH ed è la seconda causa più comune di ictus, con una percentuale di circa 8%-15% in occidente.

Si parla di 10-25 persone ogni 100.000 un numero comunque importante. Ma di cosa si tratta? L’emorragia al cervello, è una  presenza di un’ematoma all’interno si esso. I medici con una terapia cercano di ridurlo. Sono diversi i contesti che complicano quello che può accadere e sono altrettanti gli interventi chirurgici che possono portare a ridurre questo problema, e le cure post operatorie sono parecchio importanti.

Questa cosa solitamente accade per la rottura di un’arteria che non deve essere per forza successa attraverso una botta o un trauma. Il malditesta e il vomito in primis sono un sintomo importante dell’imminente malattia. Il sangue in questi casi si accumula e questo causa un’edema celebrale, un rigonfiamento. Sono tutti diversi i casi tra loro, la cosa comune, di solito, è un’anomalia alle arterie

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori