CONDIVIDI

Tragedia nel Mugello, territorio che subito rimanda la nostra mente al mostro di Firenze. E sempre nella stessa zona, vivino a  Scarperia, un comune della provincia di Firenze è stato ucciso un bimbo di un anno. Il piccolo si è spento  dopo essere stato colpito da suo papà con un coltello nel corso di una lite familiare.

Nella casa era presente anche l’altra figlia della coppia, di 7 anni. Il padre, che per quello che stava per fare ricorda Carlo Lissi, il Mostro di Motta Visconti,   avrebbe cercato di colpire anche lei ma la bimba è stata salvata dalla mamma che si è messa in mezzo venendo ferita. Sul luogo della tragedia sono intervenuti subito i carabinieri.

 

Alla scena agghiacciante, riporta lanazione.it,  ha assistito l’altra figlia della coppia di 7 anni  che ha rischiato la vita. Infatti, secondo quanto appreso, alla ricostruzione stanno lavorando i carabinieri di Borgo San Lorenzo e il pm di turno Fabio Di Vizio, l’uomo avrebbe cercato di colpire anche la bambina che sarebbe stata salvata dalla madre che si messa nel mezzo rimanendo ferita proprio per proteggerla. La tragedia si è consumata in una casa, isolata, distante circa 600 metri dal centro della frazione di Sant’Agata, nel comune di Scarperia. La bambina, secondo quanto riferito dai carabinieri, non ha riportato ferite. Annalisa Landi si trova invece ricoverata all’ospedale a Borgo San Lorenzo.