Lee Hogben
Lee Hogben, l’uomo condannato a 12 anni di carcere per aver stuprato una prostituta (foto dal web)

Un uomo inglese, Lee Hogben è stato condannato a 12 anni di reclusione per lo stupro di una prostituta. L’uomo avrebbe, infatti, ignorato le proteste della donna poiché non indossava il preservativo ed avrebbe continuato a farci sesso.

Lee Hogben, un uomo inglese, è stato condannato a 12 anni di carcere per stupro su una prostituta. La violenza è avvenuta all’interno di una stanza del Royal Bath Hotel di Bournemouth in Regno Unito. Dopo la lettura della sentenza l’uomo avrebbe anche minacciato il giudice dicendo: “Verrò per te. Avrai un fucile puntato in faccia di notte“.

Non vuole indossare il preservativo: per il giudice è stupro

Lee Hogben è stato condannato a 12 anni di carcere per stupro. La violenza si sarebbe concretata allorquando l’uomo avrebbe deciso di togliersi il preservativo durante il rapporto sessuale. Nonostante le ripetute proteste della prostituta, infatti, il 35enne avrebbe ignorato la vittima arrivando perfino a minacciarla quando quest’ultima avrebbe provato a liberarsi. Secondo quanto ricostruito dalla Corte di Bournemouth, Lee Hogben avrebbe contattato la sua vittima online attraverso un sito web di incontri dove era chiaramente specificato che i clienti durante i rapporti sessuali avrebbero dovuto indossare una protezione. I due si sarebbero incontrati al Royal Bath Hotel di Bournemouth, nel Dorset, il 19 gennaio scorso dopo aver concordato un prezzo per due ore.

Le parole del procuratore: la ricostruzione della vicenda

Il procuratore Jodie Mittell ha affermato che Lee Hogben avrebbe minacciato la prostituta nel momento in cui lei gli avrebbe opposto resistenza: “Quando Hogben ha rimosso la protezione, la denunciante ha ripetutamente protestato e ha cercato di divincolarsi, ma lui le ha detto di smettere. L’ha minacciata. Le ha detto che aveva già picchiato e derubato della gente”. Ha poi proseguito il procuratore Mittell spiegando che la vittima alla fine ha lasciato l’hotel e ha denunciato l’uomo alla polizia. Hogben è stato quindi arrestato il giorno seguente all’accaduto. Dopo la condanna, il 35enne ha minacciato il giudice Stephen Climie dicendogli: “Sto venendo per te. Di notte avrai un fucile in faccia“.

Lee Hogden ha riportato in passato una serie di condanne dalle molestie ai reati di guida. A dire del suo avvocato, Nick Robinson, i reati si sarebbero verificati quando Hogben si trovava in uno “Stato emotivo acuito. Il mio cliente ha sofferto anni di abusi sessuali mentre era in cura”.

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori