CONDIVIDI
Nicky Hayden e Simone Mazzola (©Getty Images)

Al Bufalini di Cesena c’è sempre più scoramento, ieri, infatti, a Nicky Hayden si è unito un altro eroe delle due ruote, il giovane Simone Mazzola, leader del CIV classe SS300 vittima di un incidente durante le prove sul circuito di Misano. Il ragazzo era stato trasportato tempestivamente con l’elicottero presso la stessa struttura dove è ricoverato anche il campione del mondo MotoGP 2006. In un primo momento le condizioni del 21enne romano non sembravano destare enormi preoccupazioni, però oggi è arrivata una notizia raggelante.

Il CIV, infatti, ha emesso il seguente comunicato: “Le condizioni cliniche di Simone Mazzola sono gravi ma stabili. È ricoverato nel reparto di Rianimazione dell’ospedale Bufalini di Cesena. Al suo arrivo (ieri, venerdì 19 maggio) è stato immediatamente sottoposto a un delicato intervento neurochirurgico di stabilizzazione, per il grave trauma vertebro midollare subito. Il giovane ha riportato evidenti danni neurologici dei quali non è possibile al momento stabilire le conseguenze. La prognosi è riservata”.

Si spera di ricevere notizie positive

Insomma il mondo del motociclismo non sembra trovare pace con questa ennesima tragedia che si somma al caso di Nicky Hayden, che continua a non destare segnali confortanti. A Cesena intanto sono giunti anche i genitori del giovane Mazzola. Per ora non sembrerebbe essere in pericolo di vita, ma i danni riportati in seguito alla frattura del collo sono ancora da valutare. I medici, infatti, non sono ancora in grado di stabilire se vi saranno problemi permanenti o meno.

La speranza è di vedere sia Simone Mazzola, che Nicky Hayden presto uscire da quell’ospedale sorridenti,  ad oggi tutto ciò sembra difficile, ma la speranza c’è ed è forte. Intanto a Misano si continua a correre, ma nel paddock c’è un’aria pesante, che si spera presto possa essere spazzata via da una telefonata con notizie finalmente positive.

Antonio Russo