donna brucia soldi
Carabinieri (Getty Images)

Una ragazza 20enne lucana è stata ritrovata morta all’interno di un’area in disuso a Bologna, l’ex caserma Steveco. A lanciare l’allarme un uomo che adesso risulta essere irreperibile.

Una ragazza di 20 anni è stata ritrovata senza vita nella mattinata di ieri, martedì 14 maggio, all’interno dell’ex caserma Steveco a Bologna. La ragazza è Linda Caso, una 20enne originaria di Melfi in provincia di Potenza, che da qualche tempo viveva nel capoluogo emiliano senza fissa dimora. A ritrovare il cadavere sono stati i carabinieri ed i sanitari del 118 che hanno ricevuto una chiamata anonima in cui un uomo parlava di una ragazza che si stava sentendo male. Sul caso stanno indagando i carabinieri della stazione di Bologna, i quali stanno cercando di rintracciare anche l’uomo che ha chiamato che attualmente risulta irreperibile.

Cadavere di una ragazza 20enne lucana in una caserma in disuso

Choc a Bologna dove una ragazza alle prime luci dell’alba di ieri è stata ritrovata senza vita all’interno dell’ex caserma Steveco, area abbandonata da tempo. Intorno alle 5:30, secondo quanto riportato dalla redazione de Il Corriere della Sera, i carabinieri sono arrivati sul posto dopo aver ricevuto una chiamata anonima partita da un cellulare senza scheda. Insieme ai militari dell’Arma sono intervenuti anche i vigili del fuoco ed i sanitari del 118 che hanno rinvenuto il corpo senza vita di una 20enne originaria di Melfi (Potenza) riverso a terra nell’edificio ormai divenuto luogo di riparo per i senzatetto. La ragazza, Linda Caso, dagli accertamenti è risultata essere residente in Basilicata, ma da tempo nel capoluogo emiliano senza fissa dimora. Sul luogo del ritrovamento i carabinieri hanno ritrovato alcuni effetti personali che farebbero pensare che la 20enne si fosse stabilità nell’edificio. Ritrovati, secondo quanto riportato da Il Corriere della Sera, anche alcuni oggetti idonei al consumo di sostanze stupefacenti i quali farebbero presumere che la ragazza sia deceduta per overdose o per il consumo di una sostanza tagliata male. A chiarire le cause della morte saranno gli esami tossicologici e l’autopsia già disposta dall’autorità giudiziaria. Intanto gli investigatori sono sulle tracce dell’uomo che ha effettuato la chiamata che attualmente risulterebbe irreperibile.

Leggi anche —> Stefdies, la ragazza che su Instagram “muore” in giro per il mondo

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori