CONDIVIDI

AUTO E AMBIENTE РContinua a scendere il consumo di benzina negli Stati Uniti, al punto che nel 2030 il consumo totale sarà del 20% inferiore rispetto a oggi nonostante il numero di veicoli immatricolati dovrebbe rimanere sostanzialmente invariato.

Il picco della domanda di carburanti fossili venne registrato nel 2006 quando un’economia florida e veicoli meno efficienti rispetto a oggi fecero segnare il massimo storico nei consumi. Attualmente, grazie a veicoli pi√π parsimoniosi e a politiche volte a favorire la diffusione dell’etanolo e dell’uso dei mezzi pubblici, i consumi stanno lentamente – ma costantemente – diminuendo. Senza contare che gli attacchi dell’11 settembre, la guerra in Iraq e in Afghanistan e l’uragano Katrina avevano contribuito a far lievitare i prezzi alla pompa, con seguente calo della domanda.

Secondo i dati ufficiali, ogni giorno in America si consumano oltre 1,3 miliardi di litri di benzina, l’8% in meno rispetto al 2006. Gli analisti ritengono che questo declino dovrebbe accelerare per diversi motivi: dal 2012, per la prima volta, le nuove auto prodotte dovranno rispettare dei precisi (e ambiziosi) criteri di risparmio di benzina: considerando tutte le auto presenti nel listino di ciascun costruttore, infatti, il consumo medio per brand non dovr√† essere inferiore ai 13 km con 1 litro, rispetto al limite di 11,9 stabilito nel 1990. Nuovo limite dal 2016: 15,3 km con 1 litro.

Altro motivo √® l’introduzione di modelli elettrici o ibridi, l’acquisto dei quali √® sostenuto finanziariamente dalla Casa Bianca con investimenti cospicui. Terzo punto: il previsto aumento dell’impiego di etanolo e biocarburanti, che prenderanno piede su larga scala nel 2022. Tra i giovani, infine, si √® sviluppata una coscienza ambientale notevole e, complice anche la mancanza di lavoro, non considereranno pi√π indispensabile possedere un’auto. Questo anche perch√© le nuove tecnologie nelle telecomunicazioni, quasi inesistenti nel decennio scorso, permettono di restare in contatto con amici e parenti anche senza muoversi di casa.

Motori.it

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori