CONDIVIDI
Robert Kubica (©Getty Images)

Dopo l’invito a Felipe Massa di farsi da parte, accettato seppure a malincuore alla vigilia del GP del Brasile, e l’annuncio ufficioso della line up Williams per il test post stagione previsto ad Abu Dhabi, le indiscrezioni di un prossimo ritorno di Robert Kubica in F1 si sono fatte sempre più insistenti. Tuttavia, se la maggior parte dei personaggi del paddock sembra aver accolto il probabile comeback in maniera positiva, qualche bastian contrario ha espresso dubbi, perplessità e un pizzico di malumore.

Tra questi il solito Jacques Villeneuve, che in tempi recenti aveva già definito assurda la possibilità, e che ora ha rincarato la dose. “Il problema è che l’anno venturo si troverà a dover imparare a convivere con l’Halo che inevitabilmente renderà più complesso l’uscita dalla vettura. Inoltre cosa vogliamo dire della partenza, quando dovrà schivare le altre auto? Dubito che ce la potrà fare con una sola mano!”, ha dichiarato caustico ad Auto Bild il canadese. “Anzi per esperienza posso confermare che non è fattibile. A mio avviso la FIA dovrebbe pensarci attentamente e valutare bene se in effetti lui sia in grado di evitare gli incidenti. Robert stesso dovrebbe rifletterci. Qui non si sta parlando di riscontri cronometrici, bensì di obblighi verso i colleghi. La scuderia stessa dovrebbe fare le dovute valutazioni, poiché dovesse succedere qualcosa la sua responsabilità sarebbe enorme”.

Montoya punge

Altrettanto critico nei confronti del pilota polacco riavvicinatosi alle monoposto dopo diverse stagioni nei rally, si è dimostrato Juan Pablo Montoya. Lingua tagliente quando correva nel Circus e pure oggi che lo commenta soltanto, mai molto dolce con chi rappresenta il presente.

“Onestamente per me il suo ritorno sarebbe una barzelletta. Sono sicuro che Kubica oggi non sia più al 100% in grado di spingere una macchina al limite”, la sua sentenza.

Della questione si discuterà comunque in sede di briefing  venerdì prossimo a Yas Marina. A quanto pare l’attuale manager personale del driver di Cracovia Nico Rosberg, con questo ingaggio, garantirebbe alla Williams 8 milioni di euro di sponsorship.

Chiara Rainis