CONDIVIDI
Lewis Hamilton (©Getty Images)

F1 | Villeneuve attacca Hamilton: “Si crede Gesù”

Da sempre critico nei confronti di Lewis Hamilton, Jacques Villeneuve non ha nascosto la propria scarsa simpatia per l’inglese neppure al termine del GP di Gemania, gara che ha visto il britannico trionfare malgrado la delusione della qualifica in cui  comunque aveva  cercato di accentrare su di sé l’attenzione  spingendo la sua W09 in panne e accasciandosi disperato al suo fianco.

Confonde la F1 con Hollywood. Tutto ciò che fa è preparato!“, l’attacco del canadese ad Auto Bild. “Inoltre sui social network si presenta come se fosse Gesù. Il modo in cui si è inginocchiato vicino alla macchina dopo il problema accusato al Q1 pareva il Cristo sofferente e quanto ha detto dopo suonava come il Discorso della Montagna. sul podio infine i suoi gesti erano talmente carichi di drammaticità che sembrava fosse lui ad aver fatto piovere all’improvviso”.

E’ un uomo

Sul comportamento di Ham ha voluto esprimersi anche il direttore generale della Mercedes Toto Wolff, convinto che l’essere a volte eccessivo del pilota inglese sia una delle ragioni del suo successo.

“E’ una star dello sport proprio per la sua sensibilità”, ha dichiarato l’austriaco, giustificativo anche per alcuni tweet, poi cancellati dal quattro volte iridato, indirizzati ai presentatori di Sky Sports Uk, che non lo avrebbero celebrato a dovere.

“Può capitare di farsi prendere dalle emozioni dopo aver vinto una corsa che sembrava persa e di notte non riuscendo a prendere sonno di mettersi davanti alla tv e rimanere delusi dal sentire commenti negativi sul proprio conto”, ha quindi cercato di difendere il 33enne di Stevenage.  “Alla fine è questo che lo rende speciale e chiacchierato, oltre che capace di fare performance come quelle di Hockenheim. Non appena ha cominciato a bagnarsi la pista andava 4” più veloce. A mio avviso avrebbe potuto trionfare anche senza l’incidente di Vettel“, ha dunque chiosato.

Chiara Rainis