CONDIVIDI
Sebastian Vettel (Getty Images)

Sebastian Vettel in questa stagione è stato spesso critica. Molte volte è sembrato troppo impulsivo per essere un 4 volte campione del mondo e gli errori hanno pesato naturalmente anche sulla squadra, che con qualche sbaglio di troppo ha contribuito a gettare al vento un titolo che sembrava, mai come questa volta, a portata di mano.

Con la vittoria in Brasile però Sebastian Vettel si candida seriamente già a scrivere il proprio nome nella storia della Ferrari. Il tedesco attualmente è ad 8 successi col Cavallino Rampante ed un’eventuale sua affermazione all’ultimo Gran Premio lo porterebbe ad agganciare a 9 Rubens Barrichello e il compagno di squadra Kimi Raikkonen. A quel punto ci sarebbero da scavalcare solo Alonso e Massa fermi a 11, Ascari a 13 e Lauda a 15. Traguardi alla portata dell’ex Red Bull.

La Ferrari è in crescita e si vede

Resta inarrivabile, almeno per ora, il mostro sacro Michael Schumacher, che con 72 vittorie e 180 Gran Premi disputati è allo stesso tempo il pilota più vincente e presente di sempre nella storia Ferrari. Il dato che però farebbe entrare parzialmente nella storia recente della Ferrari Sebastian Vettel è un altro e riguarda i successi stagionali.

Attualmente il tedesco è fermo a 5 vittorie, un’eventuale successo nell’ultimo Gran Premio della stagione lo farebbe diventare il pilota più vincente della Ferrari degli ultimi 10 anni. In questo momento, dall’entrata in vigore del nuovo sistema di punteggio nel 2010, Sebastian Vettel risulta già essere il pilota con più punti nella storia Ferrari in una singola stagione (302).

Negli ultimi 10 anni solo Felipe Massa e Kimi Raikkonen erano riusciti rispettivamente nel 2008 e nel 2007 a centrare le 6 vittorie in una singola annata. Per trovare un bottino più cospicuo, invece, bisogna andare nel 2006, quando sua maestà Schumacher portò a casa 7 successi. Nella storia recente, invece, solo Alonso aveva toccato le 5 vittorie (proprio come Vettel quest’anno) nel 2010, ma con qualche podio in meno.

Naturalmente non stiamo qui a prenderci in giro, questi record non interessano di certo a Sebastian Vettel, che giustamente ha un solo obiettivo ogni anno: vincere il mondiale e lo ha miseramente fallito. Questi risultati però danno il senso di quanto l’exploit della Ferrari di quest’anno sia qualcosa di importante, che non si vedeva da diverse stagione. A Maranello ci sono i primi raggi di sole, si spera sia l’alba di una nuova Era. In fondo, non sarebbe la prima volta che un tedesco dopo una bastonata dalla concorrenza cominci un lungo cammino vincente a bordo della Rossa.

Antonio Russo

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori