CONDIVIDI
Schumacher e Vettel (Getty Images)

F1 | Vettel da 4 anni in Ferrari senza titolo, anche Schumacher fece lo stesso

Sebastian Vettel ha perso il titolo mondiale in favore di Lewis Hamilton a causa di diversi errori nell’arco della stagione. Dal GP di Germania, infatti, il tedesco è praticamente crollato psicologicamente non riuscendo più praticamente a vincere. Il britannico della Mercedes, invece, da par suo non ha più sbagliato un colpo conquistando con ampio merito la quinta corona iridata.

Purtroppo alcuni media hanno subito puntato il dito contro Vettel definendolo un bidone, dimenticando di fatto i 4 titoli vinti in Red Bull. Il tedesco, infatti, nonostante i suoi tanti errori resta comunque un pilota di valore, un campione, che è incappato in un’annata storta come in passato è capitato a tanti altri. In fondo lo stesso Hamilton un paio di anni fa era un pilota distrutto dal mondiale vinto dal proprio compagno di team Rosberg.

Ai tanti appassionati che piace il continuo parallelo tra Vettel e Schumacher bisogna ricordare che il rendimento dei due, per ora, è praticamente in linea. Michael al primo anno in Ferrari chiuse al 3° posto nel mondiale con 3 successi, stessi risultati anche per Sebastian.

Schumi vincente dopo 5 anni

Nella sua seconda annata Schumacher vinse 5 gare, ma ai fini della classifica iridata venne squalificato per la scellerata manovra ai danni di Villeneuve nell’ultimo appuntamento mondiale. Vettel, invece, ha chiuso il suo secondo anno in Ferrari senza successi e con il 4° posto nella classifica mondiale.

Al terzo anno Schumi si laureò vice-campione del mondo portando a casa 6 vittorie, stesso risultato per Vettel, che però di successi ne ha colti 5. Infine nella sua 4a stagione Michael incappò nel bruttissimo incidente di Silverstone che ne pregiudicò l’intera stagione. Alla fine il 7 volte iridato chiuse con 2 successi e 5° nella classifica mondiale.

Vettel, invece, al suo 4° anno in Ferrari ha trovato, sinora, 5 successi e il 2° posto nel mondiale. Insomma per ora, tra i due, i risultati sono in linea. Schumacher, infatti, vinse il suo primo titolo dei 5 consecutivi in Ferrari solo al 5° anno con la Rossa.

Schumacher arrivò in una Ferrari che non vinceva il titolo piloti da 17 anni, Vettel è arrivato a Maranello con la Rossa orfana di un alfiere campione del mondo da 8 anni. In entrambi i casi i due tedeschi si sono ritrovati in una vera e propria rivoluzione tecnica in casa Ferrari. Schumi con l’arrivo di Todt e Seb con la promozione di Binotto. Situazioni un po’ differenti, ma che ci offrono comunque alcune similitudini.

Purtroppo, bisogna ammettere che a differenza di Schumacher, Seb si è ritrovato in una Ferrari d’improvviso orfana del proprio comandante (Marchionne), che tanto bene stava facendo al marchio di Maranello. Una situazione che preoccupa e tanto soprattutto per il futuro della Rossa che ora pare abbandonata a sé stessa.

A prescindere dalla cabala e da paragoni che lasciano il tempo che trovano c’è da dire a gran voce che Vettel è un campione, nonostante gli errori, nonostante tutto, resta uno dei più grandi piloti presenti nel paddock ed è davvero ingenerosa la campagna denigratoria fatta nei suoi confronti da alcuni media, gli stessi che un paio di anni fa definivano Hamilton una nullità. Siamo certi che l’anno prossimo questi due grandi fuoriclasse ci regaleranno un’altra stagione da urlo.

Resta sempre aggiornato con le nostre ultimissime news di motori e altro su Google News.

Antonio Russo

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori