CONDIVIDI
Ivan Capelli, commentatore RAI F1 (©Getty Images)

Era già stato dato per ufficiale qualche settimana fa, ma ora lo è per davvero. La RAI non trasmetterà più la F1, né in diretta, né in differita. Nei prossimi tre anni sarà quindi Sky ad avere il monopolio per il dispiacere delle tasche degli italiani. A quanto pare è stata la stessa Liberty Media ad archiviare così la questione servizio pubblico Tricolore alla luce di un’offerta troppo debole e inadeguata per soddisfare le esigenze del promoter americano che sta puntando ad accrescere il pubblico della serie.

Un vero peccato considerato che secondo i dati FOM anche le gare in differita avevano portato ad un 17% di share in più rispetto al 2016 complice una Ferrari in grado di contendere il mondiale alla Mercedes. Diciamo che in questa maniera la radio televisione nostrana ha sottolineato il suo totale disinteresse verso i motori. Basti pensare che l’anno scorso aveva acquisito i diritti per la Formula E e spesso non l’ha neppure trasmessa. defaillance che ha sì che per la stagione 2017/2018 il campionato elettrico passasse nelle mani della diretta concorrente Mediaset.

La squadra

Per quanto concerne il gruppo dei commentatori, Ivan Capelli, per un decennio assieme a Gianfranco Mazzoni in cabina, dovrebbe passare a TV8, emittente in chiaro di proprietà Sky che manderà in onda 4 dirette e 17 differite. Allo stesso modo dovrebbe essere confermata la presenza al box Ferrari di Giancarlo Fisichella per i collegamenti. Gli altri ovviamente essendo dipendenti RAI, salvo cambiamenti di casacca al volo, dovrebbero uscire di scena. Se questa novità porterà ad un maggior coinvolgimento dell’audience giovane (target ambitissimo dal Circus), decisamente più vicina alle piattaforme a pagamento che a quelle canoniche generaliste, resta un punto di domanda. Di certo per la nostra televisione rappresenta un fallimento, sebbene resti un’ultima carta da giocare. Quella per il GP d’Italia, appuntamento seguito pure dai non amanti delle corse automobilsitiche.

Chiara Rainis