CONDIVIDI
Toto Wolff (©Getty Images)

Mercedes AMG è padrona del Mondiale di Formula 1 da quattro anni a questa parte, precisamente dall’ingresso dei nuovi motori V6 turbo. Ma Toto Wolff avverte: per proseguire la scia vincente bisogna dimenticare il suo recente dominio.

Il boss Mercedes si dice certo che Lewis Hamilton proseguirà l’avventura con le Frecce d’Argento. Insieme dovranno lottare contro i tentativi di Liberty Media per togliere questo monopolio alla scuderia di Stoccarda, al fine di rendere lo show più avvincente e seguito dal pubblico mondiale.

Ross Brawn, ex team principal Mercedes e attualmente direttore generale e responsabile sportivo del progetto Formula 1, non ha nascosto un certo timore sul possibile riaffermarsi del team anglotedesco. Tanto da scatenare la pronta risposta di Toto Wolff: “Ross ha bisogno di incolpare in parte se stesso”, ha detto a ESPN. “Ha impostato i capisaldi iniziali nel 2012, quando la squadra ha faticato molto, con assunzioni come Aldo Costa e altre persone al suo servizio. Ora ha un problema, è dall’altra parte e ha bisogno di assicurarsi che vincano più squadre”.

Squadra che vince… si cambia?

Toto Wolff si rifiuta di presumere che il successo continuerà anche nella prossima stagione. “Penso che abbiamo una buona organizzazione, ma non devi mai sottovalutare nessuno. Puoi essere super veloce e all’improvviso ti ritrovi a dover inseguire. Abbiamo visto con la Ferrari quanto velocemente possano progredire gli avversari. Quindi penso che sia importante rimanere umili, dimenticare i propri risultati, perché nel 2018 tutto ricomincia da zero”.

L’anno scorso Mercedes ha rafforzato la sua squadra con l’aggiunta dell’ex tecnico Ferrari James Allison in veste di capo tecnico. La scelta di arruolare Valtteri Bottas al posto di Nico Rosberg si è rivelata altrettanto azzeccata. “Valtteri e Lewis [Hamilton] sono stati probabilmente la migliore combinazione che potevamo avere… James sta facendo un enorme lavoro insieme ad Aldo [Costa], Mark Elliott e Mark Ellis e molti altri per ristrutturare il dipartimento regolarmente. Un team di corse in Formula 1 non è una struttura statica che puoi congelare e dire “questo sta funzionando ora e sta vincendo gare e campionati, ora congeliamolo”, ha concluso Toto Wolff. “Al contrario, è necessario adattarsi, è dinamico e fino ad ora ha funzionato”.