CONDIVIDI
F1 Griglia partenza Silverstone (©Getty Images)

F1 | Svelato parte del calendario 2019

Pur essendo soltanto a metà stagione, il Circus ha già cominciato a pensare all’anno prossimo e in queste ore la Federazione Internazionale dell’Automobile ha reso note le prime date di quello che sarà il calendario venturo.

Per il momento Liberty Media ha dato l’ok per i primi 7 GP. Si partirà a metà marzo, quindi in leggero anticipo rispetto ai più recenti campionati, dall’Australia per poi andare il 31 marzo in Bahrain. Il 14 aprile sarà il turno della Cina che sancirà un anniversario importante per la F1, ossia quello delle 1000 gare. Due settimane dopo la carovana si sposterà in Azerbaijan, round confermato nonostante le voci di una sua cancellazione per far posto a mete più ambite.

Primo appuntamento europeo ancora la Spagna, il 12 maggio seguito da Montecarlo a fine mese. Infine il 9 giugno il classico gran premio del Canada al Gilles Villeneuve.

Durante la pausa estiva dovrebbe essere diffusa la parte restante della stagione 2019. Ciò che è certo è che il 16 giugno, giorno della 24 Ore di Le Mans, non si correrà per evitare il cosiddetto ‘clash’,così come è sicura la gara conclusiva, Abu Dhabi che si disputerà l’1 dicembre.

Come noto intenzione dei nuovi proprietari del Grande Circo sarebbe quella di aggiungere una corsa extra negli Stati Uniti, probabilmente a Miami, location per cui è già stato prodotto un progetto di layout. Tra le papabili new entry il Vietnam, preso in considerazione in passato dallo stesso ex Supremo Bernie Ecclestone e l’Argentina. Il Paese sudamericano è stato preso in forte considerazione tanto che il direttore di gara Charlie Whiting si è recato sul posto mesi fa per verificare lo stato del circuito, da tempo non utilizzato dalla massima serie, e segnalare le modifiche da apportare.

Calendario di F1 2019 parziale:

17 marzo – Australia
31 marzo – Bahrain
14 aprile – Cina
28 aprile – Azerbaijan
12 maggio – Spagna
26 maggio – Monaco
9 giugno – Canada

Chiara Rainis