CONDIVIDI
Sebastian Vettel (Getty Images)

F1 | Sebastian Vettel: “Se alzo il morale al team? Veramente è il contrario”

La gara di Sochi potrebbe diventare un crocevia importante per la stagione di Sebastian Vettel. Il pilota tedesco è sempre più distante da Hamilton, che nelle ultime gare è stato praticamente perfetto. Il driver della Ferrari, quindi non può permettersi più errori ed ha bisogno di un GP impeccabile in Russia.

Come riportato da “Motorsport.com”, Sebastian Vettel, in vista del prossimo GP ha così commentato: “Sappiamo di dover recuperare terreno per avere la certezza di restare in gioco. Il modo migliore per raggiungere questo obiettivo è quello di finire davanti ai nostri avversari e possibilmente davanti a tutti. Il piano è questo e abbiamo tutto per riuscirci”.

Vettel punta gara per gara

Il tedesco ha poi continuato: “L’affidabilità è un aspetto che non possiamo non contemplare vista la nostra situazione di classifica. Naturalmente non possiamo guardare alla prossima gara sperando che accada qualcosa. A Singapore abbiamo provato a vincerla, non è andata bene e a quel punto c’era poco da fare. Non eravamo abbastanza veloci per stare con i nostri avversari che hanno meritato il successo”.

Sebastian Vettel ha anche analizzato la situazione attuale: “Dobbiamo affrontare ogni sessione con tranquillità. In questa pista ci aspettiamo di fare bene. Non posso pensare di vincere le prossime 6 gare, sto pensando a vincere qui, poi penseremo alla prossima, anzi al momento penso solo alla FP1”.

Infine il pilota della Ferrari ha così concluso: “Alcune gare non sono andate come volevamo, ma quando sono tornato ai box ho trovato tutti molto motivati e mi hanno detto cose molto belle. Per me significa tanto. Questo mi ha aiutato a superare le giornate negative. Poi c’è l’energia ricevuta dall’esterno, dai tifosi. Non sono mai dovuto entrare nel box e dire ai ragazzi di alzare la testa, al massimo è successo il contrario e hanno fatto bene”.

Resta sempre aggiornato con le nostre ultimissime news di motori e altro su Google News.

Antonio Russo