CONDIVIDI
Rubens Barrichello (©Rede Globo)

Ogni tanto anche i personaggi “in” del Circus scendono tra la gente comune mettendo da parte almeno per un attimo il loro status di privilegiati. Nella fattispecie in questi giorni di preparazione delle festività l’ex ferrarista Rubens Barrichello ha accettato di portare un sorriso ai bambini disagiati travestendosi da Babbo Natale con tanto di sacco pieno di doni. Il brasiliano si è recato nella regione di Cracolândia, quartiere povero di San Paolo, ed è stato accolto da quasi 200 bambini e adolescenti nella morsa della delinquenza, dell’abbandono scolastico e dell’incapacità di interazione.

“Tempo fa questa era piuttosto contaminata dalla malavita”, ha dichiarato a Rede Globo il 45enne, che con la sua famiglia gestisce un’associazione che si dedica appunto ai più sfortunati .“Grazie all’intervento delle istituzioni e dei volontari e degli educatori, oggi possiamo affermare che si è ripulita. Ciò che prima era in mano al malaffare, ora non lo è più e per me non ci potrebbe essere miglior regalo”.

L’obiettivo

Come detto, Rubinho, smessi i panni del pilota ha cercato di dare una mano per risolvere una delle grandi piaghe sociali del Brasile e ormai da 6 anni assieme alla Prefettura della sua città natale è a capo di questo progetto di riqualificazione che prevede per i ragazzi coinvolti l’alternanza scuola / attività sociali, sport in prima linea come messaggio di pace.

Regina Helena Conceição, insegnante di educazione fisica, ha spiegato così le difficoltà incontrate e la sfida davanti a cui si è trovata assieme al gruppo di lavoro: “Venendo qui abbiamo notato che il problema principale ruotava attorno all’incapacità di comunicare tra loro bimbi. Per questo abbiamo cercato di veicolare l’idea che senza l’uso della violenza il dialogo è molto migliore”.

Riconosciuto immediatamente da tutti i ragazzi presenti sebbene in abiti natalizi Barricchello ha regalato a tutti dei palloni dal calcio.

Chiara Rainis