CONDIVIDI
Ferrari (Getty Images)

Sergio Marchionne non pensa solo ad Alfa Romeo e a Sauber, ma comincia a stravolgere tutto anche in casa Ferrari. Il 2017 doveva essere l’anno del ritorno, ma è stato così solo parzialmente. Troppo grande lo smacco da parte di Mercedes, che nella seconda parte della stagione ha dimostrato soprattutto maggiore efficienza rispetto al Cavallino Rampante.

Proprio per questo, come riportato dai colleghi di “Motorsport.com”, in casa Ferrari si è deciso di far partire una rivoluzione che muoverà i suoi primi passi proprio dal reparto motori, componente nevralgico in questa moderna Formula 1. Dal 2018 la Ferrari interromperà il proprio rapporto con l’austriaca AvL per ritornare a progettare interamente le proprie power unit.

Il nuovo motore doveva arrivare a Monza

Alla Ferrari non è andato per niente giù il modo di lavorare degli austriaci che non hanno mantenuto le promesse, incrementando adeguatamente la potenza del motore per far fare alla Rossa il definitivo sorpasso ai danni delle Mercedes.

A quanto pare Marchionne avrebbe voluto anticipare il debutto del motore 2018 già al GP di Monza 2017. A quanto pare però la AvL non avrebbe garantito alla Ferrari l’omologazione di quel propulsore per così tanti Gran Premi e così il presidente del Cavallino sarebbe stato costretto a ripiegare su un semplice aggiornamento dell’unità 2017.

Marchionne però non avrebbe apprezzato la cosa e anzi avrebbe imputato a tale problema il mancato titolo (non è un caso che Sassi proprio in estate sia stato sollevato dall’incarico in Formula 1). Il motore 2018, nei piani del presidente dovrebbe avere addirittura 40 CV in più, il problema però resta l’affidabilità, alla luce anche dei nuovi regolamenti.

In Ferrari però si è deciso di mollare l’austriaca AvL per concentrarsi direttamente sul progetto. Sollevato dal ruolo di capo dei motoristi anche Wolf Zimmermann, che aveva curato i rapporti con l’azienda esterna. La nuova power unit sarà così interamente progettata a Maranello, proprio come una volta, per la felicità anche di Alfa Romeo, che non vede l’ora di provare sulle proprie vetture il nuovo propulsore, che promette scintille.

Antonio Russo

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori