CONDIVIDI

French Sebastian Ogier and co-driver Julien Ingrassia steer their Ford Fiesta WRC during the final day of the 2018 FIA World Rally Championship in Leon, Guanajuato State, Mexico, on March 11, 2018. / AFP PHOTO / ULISES RUIZ (Photo credit should read ULISES RUIZ/AFP/Getty Images)
Nel mondiale Rally è guerra aperta ai furbetti del quartierino. Anche per questo il Consiglio Mondiale del Motorsport ha deciso di introdurre una nuova regola con effetto immediato, ossia a partire dal Tour de Corse in programma il prossimo weekend. In pratica, qualsiasi concorrente deliberatamente non partirà dalla posizione definita dall’ordine d’arrivo della seconda tappa verrà penalizzato. Le ragioni dietro a questo provvedimento preso in fretta e furia sono state imputate, secondo quanto espresso dal comunicato ufficiale FIA, da preoccupazioni relative alla sicurezza. Così facendo infatti, i ritardi dovrebbero essere azzerati, salvo ovviamente imprevisti/incidenti, facilitando lo spostamento degli spettatori da una ps all’altra.

In verità è molto più probabile che i motivi risiedano in un atteggiamento poco sportivo adottato da alcuni piloti in questo inizio di campionato 2018. Ad aprire la strada verso una tattica ai limiti, se non oltre il regolamento, era stato Sébastien Ogier, il quale in Svezia, giusto prima della Power Stage, prova che consegna ai migliori 5 un punteggio extra,aveva fatto perdere le proprie tracce, riapparendo misteriosamente dopo il passaggio del decimo concorrente ed effettuando quindi il tratto cronometrato con un fondo battuto e di conseguenza più veloce. Uno stratagemma a suo dire studiato dalla squadra, che aveva ben funzionato, avendo chiuso la speciale in piazza d’onore. Essendosi creato un precedente, non certo esemplare, considerato che il francese è il campione del mondo in carica, come spesso accade sono scattate le emulazioni e così in Messico è stato il turno di Thierry Neuville della Hyundai e Ott Tanak della Toyota, due dei principali rivali del pilota Ford per la conquista del titolo iridato.

Dalla Corsica, dunque, niente più escamotage a tavolino per entrare in azione a proprio piacimento. Secondo l’Articolo 5.3.2 del regolamento sportivo FIA WRC, d’ora in avanti, chi si presenterà allo start dello stage conclusivo della manifestazione in un ordine diverso da quello reale, anche in caso di ingresso in top 5 non prenderà alcun bonus.

Chiara Rainis

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori