CONDIVIDI
Sébastien Loeb e Daniel Elena (©Getty Images)

Dakar| Loeb minaccia l’abbandono: “Assurdo ciò che sta accadendo”

Al traguardo della quinta tappa della Dakar 2019 ad Arequipa ci è arrivato da vincitore, eppure Sébastien Loeb non era del tutto soddisfatto. Anzi, più di lui, il suo fido navigatore Daniel Elena che non ha nascosto il suo disappunto.

Il motivo? Un road book poco affidabile che già aveva mandato su tutte le furie l’esperto Carlos Sainz e che ha di fatto condizionato l’esito di molte delle speciali affrontate finora.

Siamo contenti del nostro passo, ma non della guida alle prove”, ha attaccato il copilota monegasco parlando a Motorsport.com . “Il momento peggiore per noi è stata la tappa 3. Il roadbook era disastroso, in tanti ci siamo persi e non sono scuse. L’organizzazione dice che è perfetto… questa è una cosa senza senso. Auto, Moto, tutti hanno avuto gli stessi problemi negli stessi punti. Io voglio che riconoscano che quello è un loro problema“.

Sinceramente non sono sicuro di voler continuare questa volta. Nella quinta tappa addirittura la guida ci ha condotto in un tratto con la nebbia. Sébastien capisce la mia rabbia, ma per gli sponsor, per il team, lui vuole continuare. Se fosse per noi, avremmo preso l’aereo e saremmo andati a preparare il Rally Montecarlo“, ha concluso la sfuriata.

Le scuse dell’organizzazione

Chiamato in causa in maniera così eclatante Xavi Colomé, responsabile del roadbook della Dakar, ha accettato le critiche e ha provato a fornire una motivazione

A proposito della tappa 3 è vero che la guida non era precisa. Parlo nello specifico del chilometro 177, in cui c’è una torre dell’elettricità che è un punto di riferimento molto facile da scorgere. Quella torre non avrebbe dovuto essere segnalata in quel punto, ma alla vignetta precedente, al chilometro 175.01. Questo ha causato confusione, ossia il conteggio del chilometraggio. La strada era corretta, anche la distanza tra il waypoint e la strada. Ma ciò che ha confuso i piloti era questa torre elettrica“, ha spiegato precisando tuttavia che: “Il tempo perso non sarà restituito. Chi ha preso la torre come riferimento si è perso, mentre chi non lo ha fatto ha continuato a correre senza problemi“.

Colomé ha quindi aggiunto che tutti i libretti sono stati ritirati e verranno analizzati uno ad uno per individuare eventuali anomalie.

Chiara Rainis

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori