CONDIVIDI
Andre Villas Boas
Andre Villas Boas (©Getty Images)

Ci sarà anche André Villas Boas ai nastri di partenza della Dakar 2018. Proprio oggi è stato annunciata ufficialmente la partecipazione del noto allenatore calcistico portoghese alla prestigiosa competizione rally.

Era risaputo che l’ex tecnico di Porto, Chelsea e Tottenham fosse un appassionato di questo sport. Tuttavia non ci si aspettava che potesse addirittura gareggiarvi. L’attuale allenatore dello Shanghai SIPG, club cinese, correrà su una Toyota Xilux e avrà come co-pilota l’esperto connazionale Ruben Faria. Villas Boas ha da poco compiuto 40 anni e ha deciso di vivere questa esperienza unica come regalo personae.

Da giovane frequentava campi da cross e correva nel campionato portoghese tout-terrain, poi la passione per il calcio ha avuto il sopravvento ed è diventato allenatore. Tra l’altro è stato pure il vice di José Mourinho. Suo suo zio Pedro Villas Boas partecipò alla Dakar nel 1982 e adesso lui ha la possibilità di fare altrettanto. Queste le sue parole: “Mi piaceva l’idea di correre la 40° edizione della Dakar in moto, così chiamai il mio amico Alex Doringer, Manager del Team KTM. Mi disse che avrei avuto bisogno di un anno intero di preparazione per essere pronto al via e mi consigliò di correre in auto. Mi misi così in contatto con il team Overdrive e il progetto ha preso forma”.

Dunque al via della Dakar 2018 avremo anche André Villas Boas. Faria, che lo affiancherà, è arrivato 2° in moto nel 2013. L’anno scorsi si è ritirato per dirigere il team Husqvarna. L’allenatore portoghese guiderà una Toyota Hilux pick-up, una delle macchine più veloci al via e neo vincitrice della Coppa del Mondo FIA di Cross-Country Rally con il principe Nasser Al Attiyah. La competizione prenderà il via il 6 gennaio da Lima, capitale peruviana, con arrivo il 20 a Cordoba, in Argentina, passando anche per la Bolivia. 14 tappe e quasi 9 mila i km totali per i 525 concorrenti. Tra auto e moto ci saranno volti noti come Stéphane Peterhansel, Sébastien Loeb, Cyril Despres, Nasser Al Attiyah, Mikko Hirvonen, Nani Roma, Paulo Gonçalves, Joan Barreda, Sam Sunderland, Matthias Walkner, Antoine Meo e Toby Price.

 

Matteo Bellan