CONDIVIDI
Kimi Raikkonen (©Getty Images)

La detronizzazione di Max Verstappen dal podio di Austin e l’ascesa di Kimi Raikkonen ha sollevato numerose polemiche dopo il Gran Premio texano. Ma il regolamento parla chiaro, al di là di ogni “caso politico”: si possono mettere due ruote oltre le righe ma non tutte e quattro. Almeno due ruote, quelle interne alla curva, devono rimanere sempre sull’asfalto.

L’olandese della Red Bull ha evidentemente oltraggiato il regolamento del Circus, pur raccogliendo molti consensi a suo favore e criticando aspramente la decisione della Direzione. Ma i commissari di gara hanno inflitto un penalty di 5 secondi all’olandese della Red Bull, prendendosi molte critiche dai fautori dello show. La decisione è stata particolarmente controversa in quanto sembrava incoerente con una serie di altri precedenti movimenti di sorpasso.

Dal canto suo Kimi Raikkonen ha commentato con la sua solida freddezza le critiche del giorno dopo con i colleghi di ESPN: “Sappiamo tutti dove sono i limiti della pista. Se attraversate la linea bianca in alcune parti della pista, va bene. Ma se lo fai, sappiamo tutti che ci saranno problemi. Non ho visto quello che i commissari hanno guardato da vicino e quello che hanno fatto, quindi sono assolutamente la persona sbagliata per commentare la sentenza”, ha aggiunto il finlandese della Ferrari. “I commissari hanno deciso e pensato bene”.

Non la pensa allo stesso modo Jos Verstappen, papà di Max, che ha dato libero sfogo alla sua rabbia su Twitter: “Questa è una bullshit (str***ata), scusate, ma fa schifo; Fia, che vergogna; Max ha preso una penalità per aver tagliato la linea e non è stato fatto a nessun altro nell’intero week end”. Sulla stessa lunghezza d’onda Niki Lauda: “Questa è la decisione peggiore che abbia mai visto, Max non ha fatto nulla di sbagliato. Siamo piloti da corsa, è ridicolo distruggere lo sport con questa decisione. Nel prossimo Strategy Group dobbiamo portare la cosa all’ordine del giorno, si sta andando troppo oltre”.

Luigi Ciamburro