CONDIVIDI

ROBERT KUBICA – Sono ulteriormente migliorare le condizioni di salute del pilota polacco Robert Kubica e per questo √® stato anche possibile trasferirlo oggi dal reparto di terapia intensiva a quello di ortopedia. Lo si apprende dal bollettino medico di giornata emanato dall’Asl di Savona. “Le condizioni del pilota Robert Kubica sono ancora migliorate ed √® stato quindi possibile il trasferimento dal reparto di terapia intensiva al reparto di ortopedia -si legge nel bollettino-. L’intervento chirurgico previsto per domani su omero e piede appare al momento confermato. Il prossimo comunicato stampa, domani al termine dell’operazione”.

Intanto arriva per il pilota polacco della Renault un augurio molto speciale: “Robert, guarisci presto… E torna a vincere”. √à il cardinale Stanislaw Dziwisz, arcivescovo di Cracovia ed ex segretario particolare di Giovanni Paolo II, a esortare Kubica, noto nel circus per essere molto credente e devotissimo di papa Wojtyla.

“Robert √® di Cracovia – ha detto Dziwisz – e come tutti qui √® devoto al nostro papa. Adesso tutti noi preghiamo Dio attraverso Giovanni Paolo II per dargli forza di andare avanti, perch√© ci sono tanti giovani che lo seguono. Abbiamo bisogno della sua testimonianza, della sua salute…E anche di belli e buoni risultati!”.

Ieri il campione di Formula 1 aveva chiesto una foto del pontefice da mettere sul comodino della sua stanza d’ospedale, per chiedere la sua protezione. Il card. Dziwisz oggi celebrer√† una messa per pregare per il pilota: “Oggi – ha detto il cardinale a News Mediaset – celebrer√≤ una messa per dargli forza di ‘scappare’ da questo incidente che ha subito. Dico a Robert che come pastore della Chiesa di Cracovia mi sento vicino a lui e anche tutti i cittadini della diocesi di Cracovia sono con lui”.

E vista la particolare devozione di Kubica per papa Giovanni Paolo II, l’ex segretario di Wojtyla ne ha approfittato per invitarlo alla cerimonia di beatificazione del papa polacco, il prossimo 1¬∞ maggio: “Se Kubica verr√† a Roma – ha detto il card. Dziwisz – gli daremo il posto migliore!”.

Repubblica.it