CONDIVIDI
Niki Lauda (©Getty Images)

A gettare benzina sull’infuocato caso Vettel-Hamilton ci pensa l’istrionico Niki Lauda, il presidente non esecuto della Mercedes AMG F1. L’ex campione di origine austriaca ha definito “robetta” i 10 secondi di stop & go inflitti a Sebastian durante il GP dell’Azerbaijan e plauda alla notizia che la FIA riaprirà il caso lunedì 3 luglio.

Lauda punta l’indice contro il pilota della Ferrari, non solo per quanto commesso in pista domenica scorsa. Ma soprattutto per non aver chiesto scusa e per aver riversato ogni responsabilità su Lewis Hamilton. Un atteggiamento a suo dire torppo arrogante, quindi pericoloso, antisportivo. “Le analisi della FIA hanno dimostrato che Lewis non ha frenato. Quello che è successo dopo è tutto incomprensibile. Quello che mi preoccupa è ancora più che Vettel ha dato tutta la colpa all’avversario, ma lui è sempre così”.

Il 68enne presidente non esecutivo aggiunge: “Posso capire la rabbia di Lewis e anche io sono davvero arrabbiato. Non poteva semplicemente dire che è stato un suo errore, che è stato avventato?”. Non può che trovarsi d’accordo con la scelta della FIA di riesaminare il caso e dare un responso definitivo prima del GP d’Austria. Ma nei giorni scorsi Niki non ha avuto peli sulla lingua: “Sebastian è come Michael Schumacher. Quando si commette un errore si entra in un universo parallelo in cui non si riconoscono le proprie responsabilità. Pazzesco”. E ancora: “Vettel non ammette le sue responsabilità. Un giorno Lewis finirà per colpirlo con un pugno”. Peccato che le sanzioni non siano previste per certe dichiarazioni…

Luigi Ciamburro

 


 

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori