CONDIVIDI
Nico Rosberg (©Getty Images)

Nico Rosberg a fine stagione scorsa ha deciso di mollare la Formula 1 da campione del mondo in carica. In questa annata si è fatto vedere davvero molto poco nel paddock, ma ora sembra pronto a ritornare in veste di opinionista e manager di Robert Kubica.

Come riportato da “AS.com”, Nico Rosberg ha così commentato il suo momento: “Sono molto tranquillo, mi sto godendo la Formula 1 dalla distanza. Dopo il primo titolo ho detto basta, ho dato la mia vita per vincerlo, quello è il risultato di tutti i miei sforzi. Ho realizzato il mio sogno da bambino e sono felice di quello che ho fatto. Hamilton è uno dei migliori piloti che ci sia, quindi è stato bello batterlo”.

Alonso ha fatto la scelta sbagliata

Il tedesco ha poi continuato: “A Lewis va tutto bene, mentre a Seb gira tutto storto. Io l’anno scorso ho vinto il mio mondiale proprio in queste gare. In questo momento Hamilton ha tutto a proprio favore, ha un enorme vantaggio. Non credo che cambierà qualcosa a fine stagione. Sia Lewis che Sebastian sono due dei più grandi piloti di tutti i tempi della F1 e hanno disputato una grande stagione”.

Nico Rosberg ha poi provato a raccontare le debolezze di Hamilton secondo la sua esperienza: “Ora sembra imbattibile, ma Lewis in realtà soffre di incostanza, questa è una sua debolezza, cosa che Vettel non ha, lui si innervosisce facilmente. La cosa più difficile per un pilota è il fattore psicologico, l’anno scorso Lewis si innervosì in conferenza e in gara fece un paio di errori. Quest’anno però sta guidando molto bene e sembra imbattibile”.

L’ex Mercedes ha poi commentato anche la situazione di Alonso in McLaren: “Alonso è allo stesso livello di Vettel e Hamilton, ma la sua non è sfortuna. Ha scelto lui di sbagliare. Anche questo è parte dell’essere un pilota, gestire al meglio la propria carriera con le scelte giuste. Credo che McLaren con Renault dall’anno prossimo possa lottare per il podio”.

Nico Rosberg quindi pensa che l’anno prossimo il mondiale possa essere ancora più avvincente. Quando gli si chiede però che rapporto ha con Hamilton lui risponde: “Non parlo con lui da un po’ di tempo”. In ogni caso il tedesco, campione del mondo in carica, sembra non sentire troppo la mancanza della Formula 1.

Antonio Russo